Donne e diabete

I bambini con peso alla nascita marginalmente basso necessitano di trattamento

I bambini con un peso alla nascita inferiore a 2,5 kg rischiano di diventare sottopeso e possono avere difficoltà cognitive oltre a diabete e malattie cardiovascolari in età avanzata. Tuttavia, la supplementazione precoce di ferro sembra fornire una certa protezione. Questo secondo una nuova tesi di dottorato all’Università di Umea in Svezia.

“I risultati sono stati sorprendenti: i bambini con basso peso alla nascita i quali  ricevono una supplementazione precoce del ferro hanno avuto una pressione arteriosa più bassa in età scolare e non abbiamo mai visto un modo per proteggere parzialmente le malattie cardiovascolari, anche se sono necessarie ulteriori ricerche, “dice Josefine Starnberg, dottoranda presso il Dipartimento di Scienze Cliniche all’Università di Umea.
Lo studio consisteva in 285 bambini nati con un peso alla nascita marginalmente basso, 2-2,5 chili e un gruppo di controllo di 95 bambini nati con un peso alla nascita normale. Sono stati raccolti i dati su peso, altezza, composizione corporea, pressione sanguigna ed esami del sangue per glicemia, insulina e lipidi del sangue. Inoltre, sono stati testati il ??QI dei bambini e varie altre abilità. Tra i bambini nati con basso peso alla nascita, una netta maggioranza ha solo un peso marginalmente basso, ma raramente ricevono priorità negli studi.
Il modo in cui il cervello e lo sviluppo neurologico dei bambini sono influenzati da un peso alla nascita marginalmente basso è  in gran parte sconosciuto. Si ritiene che i bambini prematuri e con basso peso alla nascita nascano con un cervello immaturo, che è costretto a svilupparsi e maturare in circostanze diverse rispetto a un bambino adulto nato con un peso alla nascita normale. Lo studio di Umea mostra che i bambini nati con un peso alla nascita troppo basso hanno più difficoltà cognitive , come un QI verbale inferiore e una minore attenzione e capacità di coordinamento rispetto ai bambini nati con peso alla nascita normale.
“I risultati del test sotto la media possono portare a maggiori difficoltà scolastiche e problemi comportamentali in misura maggiore rispetto ai bambini nati con peso alla nascita normale.E ‘importante che ne siamo consapevoli, sia nel sistema sanitario che nel sistema educativo , al fine di catturare presto coloro che potrebbero aver bisogno di ulteriore supporto “, afferma Josefine Starnberg.
Precedenti studi hanno dimostrato che i bambini con basso peso alla nascita hanno un rischio aumentato di soffrire in seguito di sovrappeso, ipertensione, lipidi del sangue e resistenza all’insulina, tutti fattori che aumentano il rischio di malattie cardiovascolari. Ciò è stato spiegato dalla cosiddetta programmazione anticipata, il che significa che il feto è programmato per adattarsi all’ambiente circostante nell’utero, che può essere successivamente svantaggioso se l’ambiente dopo la nascita è diverso.
Al contrario, lo studio di Umea mostra che i bambini nati sottosviluppati hanno un aumentato rischio di essere ancora sottopeso all’età di sette anni. Ma allo stesso tempo, sono stati trovati anche i primi segni di una interruzione dell’insulina e dell’equilibrio glicemico, un segno ben noto per l’aumento del rischio di sviluppare in seguito diabete e malattie cardiovascolari. Per comprendere le conseguenze di questo, sono necessari studi di follow up fino all’età adulta.
Una scoperta particolarmente significativa nello studio è stata che i bambini che hanno ricevuto integratori di ferro nella prima infanzia avevano una pressione sanguigna più bassa , che è una relazione  sconosciuta in precedenza. Oltre a suggerire un meccanismo di base per la programmazione precoce della pressione arteriosa , offre anche un’opportunità con mezzi semplici per proteggere i bambini con basso peso alla nascita da future malattie cardiovascolari .

Categorie:Donne e diabete

Con tag:,