Donne e diabete

L’intelligenza artificiale in soccorso del diabete gestazionale

L’intelligenza artificiale consente previsioni individualizzate per le future mamme e i neonati. L’obiettivo delle singole raccomandazioni è un’esperienza positiva per l’utente unita ad un’attività benefica per il livello di glucosio.

Circa 52.000 donne partoriscono in Finlandia ogni anno, e il 18 per cento di esse – quasi 10.000 – sono diagnosticate con diabete gestazionale . Di questi, circa la metà sviluppa il diabete di tipo 2 in seguito.
CleverHealth Network, un ecosistema coordinato dal distretto ospedaliero di Helsinki e Uusimaa (HUS), sta ora lanciando il suo primo progetto di sviluppo con finanziamenti concessi da Business Finland. I principali partner nel progetto di diabete gestazionale sono HUS, Aalto University, l’Università di Helsinki, Elisa e Fujitsu.
Il progetto mira a migliorare il trattamento e il monitoraggio del diabete gestazionale sviluppando un’applicazione mobile per misurare i livelli di glucosio nel sangue della madre, l’attività fisica, l’alimentazione, il polso e il peso giornaliero e memorizzarlo nel cloud in tempo reale.
“Migliorando lo stile di vita durante la gravidanza, possiamo probabilmente ridurre il numero di madri che svilupperanno il diabete di tipo 2 e i rischi per la salute del bambino, migliorando così anche la salute delle generazioni future. L’applicazione aiuterà il paziente a imparare come dieta, attività e sonno influenzano i livelli di glicemia e l’aumento di peso e, di conseguenza, il corso della gravidanza e la salute del neonato “, dice Saila Koivusalo, direttore della ricerca del progetto e specialista in ostetricia e ginecologia.
L’applicazione inoltrerà i dati sullo stile di vita e sulla glicemia in tempo reale al personale sanitario, che può fornire assistenza e supporto, se necessario.
Il progetto utilizzerà l’apprendimento automatico per fornire una guida e un trattamento in linea con il profilo di rischio del paziente e soddisfare i suoi bisogni individuali. L’intelligenza artificiale consente anche di elaborare previsioni sulla salute futura della madre e del bambino.
“L’obiettivo è di mantenere basso il livello di glucosio e stiamo modellando sia le previsioni che le raccomandazioni tenendo conto di ciò: le previsioni individuali indicano cosa succede al livello di glucosio se una donna incinta va a fare una passeggiata, ad esempio. l’individualità in considerazione: l’obiettivo è un’esperienza positiva per l’utente unita a un’attività benefica per il livello di glucosio “, afferma Pekka Marttinen, docente dell’Academy Research dell’Università di Aalto.