Vista e dintorni

Le cellule staminali trattano la degenerazione maculare senile

I ricercatori della UCSB hanno contribuito allo sviluppo di un cerotto retinico appositamente progettato per trattare le persone con improvvisa e grave perdita della vista.

Nel luglio 2015, l’ottantaseienne Douglas Waters aveva sviluppato una grave degenerazione maculare legata all’età (AMD). Faticava a vedere le cose chiaramente, anche da vicino.

Pochi mesi dopo, è diventato parte di una sperimentazione clinica che ha utilizzato cellule oculari derivate da cellule staminali sviluppate in parte da ricercatori dell’UC Santa Barbara. La sua benda sulla retina è stata impiantata al Moorfields Eye Hospital, una struttura del National Health Service (NHS) nella città natale di Waters a Londra, in Inghilterra.

Nei mesi precedenti all’intervento di Waters, la sua vista era scarsa e non riusciva a vedere nulla dall’occhio destro. Dopo l’intervento, la sua vista è migliorata così tanto che ha potuto leggere il giornale e aiutare sua moglie con il giardinaggio.

I risultati di questo studio clinico innovativo, pubblicato su Nature Biotechnology, descrivono l’impianto sicuro ed efficace di una patch appositamente progettata di cellule epiteliali del pigmento retinico derivate da cellule staminali per trattare le persone con improvvisa grave perdita di vista da AMD umida – la forma che affligge Waters. Questa è la prima descrizione di un tessuto completamente ingegnerizzato che è stato usato con successo in questo modo.

“Questo studio rappresenta un vero progresso nella medicina rigenerativa e apre le porte a nuove opzioni di trattamento per le persone con degenerazione maculare legata all’età”, ha detto il co-autore Peter Coffey, professore presso il Neuroscience Research Institute della UCSB e co-direttore del Center for Biologia e ingegneria delle cellule staminali.

Il Prof. Peter Coffey

La degenerazione maculare rappresenta quasi il 50% di tutti i deficit visivi nel mondo sviluppato e di solito colpisce le persone di età superiore ai 50 anni. L’AMD influenza la visione centrale (di lettura) lasciando la normale visione circostante. L’AMD umida è generalmente causata da vasi sanguigni anormali che perdono liquido o sangue nella regione della macula al centro della retina e quasi sempre inizia come AMD secca. I ricercatori sperano che la nuova procedura aiuterà anche in futuro a curare AMD secca.

Lo studio ha esaminato se le cellule malate nella parte posteriore dell’occhio interessato dei pazienti potrebbero essere reintegrate utilizzando il cerotto delle cellule staminali. Uno strumento chirurgico appositamente progettato è stato utilizzato per inserire il cerotto sotto la retina nell’occhio interessato di ciascun paziente in un’operazione che durava da una a due ore.

Oltre a Waters, una donna di 60 anni suoi che soffriva pure lei di una grave forma di AMD umida e visione in declino aveva ricevuto la stessa procedura. Lei e Waters sono stati monitorati per 12 mesi e hanno riportato miglioramenti nella visione. Sono passati dal non essere in grado di leggere affatto – anche con gli occhiali – alla lettura da 60 a 80 parole al minuto con normali occhiali da lettura.

“Ci auguriamo che questo porterà a una terapia a prezzi accessibili che possa essere messa a disposizione dei pazienti del NHS entro i prossimi cinque anni”, ha affermato Coffey, che ha fondato il progetto di Londra per Cure Blindness più di dieci anni fa.

Categorie:Vista e dintorni

Con tag: