Diritti e rovesci

Le fornitura gratuita per i diabetici tipo 1 a basso reddito ne migliora la condizione

Come sapete il mondo gira e come lui anche le balle: infatti qui da noi può capitare, ad esempio, che ai diabetici che soffrono del piede neuropatico o meglio conosciuto come piede diabetico, con i nuovi Livelli Essenziali di Assistenza non vengano più fornite le scarpe adatte per tale condizione. E nella vicinissima Albania ai diabetici tipo 1 non vengono fornite glucometri, strisce, siringhe, aghi e microinfusori, CGM. E in India che succede?

Fornire gratuitamente insulina e e gli strumenti per effettuare i test della glicemia alle famiglie con diabete di tipo 1 a basso e medio reddito può migliorare il controllo della glicemia e le conoscenze relative al diabete, un nuovo studio sulle famiglie indiane. I risultati della ricerca sono stati presentati martedì 20 marzo all’ENDO 2018, il 100 ° incontro annuale della Endocrine Society a Chicago, Illinois.
Nelle famiglie indiane con diabete di tipo 1, il costo delle cure è in gran parte a carico della famiglia, con il più alto onere economico sostenuto dalle stesse di classe socio-economica di livello medio-basso, ha detto il ricercatore capo Vijayalakshmi Bhatia, MD, professore al Sanjay Gandhi Postgraduate Istituto di scienze mediche a Lucknow, in India. “La carenza di risorse finanziarie può comportare una spesa inadeguata per il diabete, che a sua volta può avere un effetto negativo sui risultati sanitari”, ha detto.

Per una condizione come il diabete, dove l’autogestione è la chiave per controllare la malattia, altri fattori sociali come lo stato educativo, l’abitazione urbana o rurale e l’accesso alle strutture sanitarie, tra gli altri, possono impedire un buon risultato, nonostante la somministrazione di insulina e altre forniture, ha detto Bhatia.

I ricercatori hanno studiato, per la prima volta in India, l’effetto sui livelli di zucchero nel sangue e le conoscenze relative al diabete per ridurre la barriera legata ai costi, fornendo strisce di insulina e glucosio nel sangue gratuite a 85 pazienti (età media 13 anni e ½) da famiglie a basso e medio reddito per un anno. Inoltre, nel secondo semestre dello studio, metà dei pazienti ha ricevuto telefonate da un infermiere educatore di diabetici ogni due settimane.

Lo studio ha riscontrato un significativo miglioramento dell’emoglobina A1c, un test che misura il controllo della glicemia, a tre e sei mesi. La conoscenza del diabete da parte dei pazienti è migliorata a sei mesi nonostante il solo standard di cura, senza alcun insegnamento o interazione speciale. Ciò suggerisce che i pazienti hanno ricevuto una migliore comprensione del loro diabete attraverso un auto monitoraggio più frequente dei livelli di zucchero nel sangue, hanno detto i ricercatori.

Durante il secondo semestre, la conoscenza del diabete del gruppo che ha ricevuto telefonate è migliorata rispetto al gruppo non telefonico. I miglioramenti nei livelli di A1c non differivano tra quelli che hanno ricevuto le chiamate e quelli che non l’hanno fatto.

Le famiglie urbane e le famiglie in cui il capofamiglia aveva una istruzione di scuola superiore hanno mostrato un miglioramento maggiore nella conoscenza del diabete rispetto alle famiglie rurali o a quelle con un’istruzione formale inferiore.

“I policymaker possono dedurre da questo studio preliminare che le forniture gratuite rende a breve termine (e possibilmente a lungo termine attraverso una migliore conoscenza) per migliorare la salute di bambini e adolescenti con diabete di tipo 1 da famiglie a basso e medio reddito in un paese in via di sviluppo”, ha detto Bhatia.