Educazione

La comprensione da parte degli operatori sanitari del trattamento dell’obesità è limitata

Nonostante l’alta prevalenza dell’obesità negli adulti statunitensi, la fornitura di trattamenti raccomandati per l’obesità rimane bassa. I fornitori citano la mancanza di tempo, la mancanza di risorse e di conoscenza come principali ostacoli al trattamento dei pazienti obesi. Un nuovo studio pubblicato su Obesity ha valutato le conoscenze degli operatori sanitari (HCP) sulle linee guida basate sull’evidenza per il trattamento non chirurgico dell’obesità.

In questo studio, gli autori hanno condotto un sondaggio basato sul web di un campione rappresentativo a livello nazionale di 1506 internisti, professionisti della famiglia, ostetriche/ginecologi e infermieri per determinare la loro comprensione delle linee guida sul trattamento dell’obesità. I risultati indicano che la maggior parte degli operatori non ha conoscenza e comprensione dei trattamenti raccomandati per l’obesità, come la consulenza comportamentale e la farmacoterapia.

L’autore William Dietz, MD, PhD, FTOS, Presidente della The Obesity Society, direttore della STOP Obesity Alliance ha affermato: “I nostri risultati offrono ai professionisti della salute e agli educatori medici una forte motivazione per incorporare una formazione avanzata sulla prevenzione e la gestione dell’obesità nei loro programmi di studio”.

Il portavoce della società per l’obesità Ken Fujioka, MD, FTOS, direttore del Centro per la gestione del peso e direttore del centro di ricerca sulla nutrizione e metabolismo presso la Scripps Clinic, ha dichiarato: “Questo è un articolo di grande portata che dimostra chiaramente la mancanza di conoscenze di base obesità nella comunità sanitaria. Certo, lo abbiamo sempre saputo, ma questa è una chiara dimostrazione del fatto che abbiamo un grosso problema perché l’obesità è la malattia più comune osservata nelle cure primarie “. Questi risultati suggeriscono fortemente che è necessario un ulteriore formazione, preparazione per l’obesità.

Inoltre, in un editoriale di accompagnamento pubblicato su Obesity, Robert Kushner, MD, FTOS, esamina l’impatto di questo studio. “Lo studio suggerisce che è necessaria una maggiore educazione all’obesità tra i principali fornitori di assistenza sanitaria che si concentra sulla conoscenza insieme a competenze avanzate nella gestione dell’assistenza ai pazienti, comunicazione e cambiamento di comportamento”, ha detto il dott. Kushner, della The Obesity Society, Professor of Medicine presso la Northwestern University Feinberg School of Medicine Illinois. Nel complesso, sono necessari più istruzione e formazione sull’obesità tra gli operatori sanitari.

Categorie:Educazione, Terapie

Con tag: