Mangiare e bere

Alla ricerca di un successo a lungo termine nella gestione del peso? Dimentica le diete e mangia regolarmente

La prima età adulta è particolarmente importante per ingrassare. Secondo un recente studio condotto presso l’Università di Helsinki, i fattori comuni tra le giovani donne e gli uomini che sono riusciti a gestire il loro peso a lungo termine includevano un’alimentazione regolare piuttosto che una dieta.

“Spesso le persone cercano di prevenire e gestire l’eccesso di peso e l’obesità mangiando e saltando i pasti, ma a lungo termine tali approcci sembrano accelerare, anziché prevenirlo”, afferma Ulla Kärkkäinen, ricercatrice e terapeuta nutrizionista presso la Università di Helsinki.

Pubblicità e progresso

Lo studio sulla gestione del peso condotto presso l’Università di Helsinki è stato parte del vasto studio FinnTwin 16, con oltre 4.900 giovani uomini e donne come partecipanti. I soggetti dello studio hanno risposto a sondaggi che tracciavano i fattori che influivano sul peso e sul cambiamento di questi quando avevano 24 anni, e di nuovo dieci anni dopo, a 34 anni.

La maggior parte dei soggetti ha guadagnato peso durante il decennio intermedio. Solo il 7,5% delle donne e il 3,8% degli uomini hanno perso peso nel periodo. Tra i 24 ei 34 anni, il guadagno medio nelle donne era di 0,9 kg all’anno, mentre negli uomini il guadagno corrispondente era di 1,0 kg.

Oltre alle diete e alle abitudini alimentari irregolari, il rischio di ingrassare delle donne è aumentato con la nascita di due o più bambini, il consumo regolare di bevande zuccherate e l’insoddisfazione della vita. Negli uomini, un ulteriore fattore che aumentava il rischio di ingrassare era il fumo. I fattori che proteggono dall’aumento di peso sono stati l’attività fisica nelle donne, mentre negli uomini l’avere un livello di istruzione superiore e un peso maggiore all’inizio del periodo di studio.

Concentrati sulla gestione del peso primario, non sulla dieta

Nell’ambiente attuale, riuscire a gestire il peso a lungo termine è particolarmente difficile. Le conoscenze scientifiche acquisite finora sulla gestione del peso di successo si basano principalmente su studi in cui i soggetti hanno prima perso peso e poi iniziato a gestirlo.

“Per prevenire efficacemente l’aumento di peso, la comprensione dei fattori alla base della gestione del peso che precede il guadagno, o la gestione del peso primario, è della massima importanza”, osserva Kärkkäinen.

L’esercizio e le abitudini alimentari sane sono considerati i capisaldi della gestione del peso. Tuttavia, secondo questo studio della popolazione a lungo termine, ancora più essenziale per il successo della gestione del peso è astenersi dalla dieta e osservare abitudini alimentari regolari, sia nelle donne che negli uomini.

I fattori alla base della gestione del peso di successo sembrano cambiare tra breve e lungo termine. Questi fattori sono anche parzialmente specifici per genere.

“In generale, la guida per la gestione del peso si riduce spesso a mangiare di meno e ad esercitarsi di più. In pratica, le persone sono incoraggiate a perdere peso, mentre i risultati del nostro ampio studio di popolazione indicano che perdere peso non è un metodo efficace di gestione dello stesso a lungo termine”, afferma Kärkkäinen.

I risultati della ricerca dimostrano che invece di perdere peso, è più importante concentrarsi sul mangiare pasti regolari, garantire il benessere e trovare un senso più generale di significato nella vita. Pasti regolari e sufficienti supportano le funzioni biologiche naturali del corpo e aiutano a gestire le proprie abitudini alimentari e la gestione del peso a lungo termine.

“I nostri risultati dimostrano che la gestione del peso trarrebbe beneficio da una maggiore attenzione alle differenze individuali, oltre a percepire i fattori che influiscono sul benessere umano e sul senso della vita nella sua interezza come un insieme più ampio”, afferma Kärkkäinen.

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista internazionale Eating Behaviors. Lo studio è stato condotto dalla professoressa associata Anna Keski-Rahkonen.

Categorie:Mangiare e bere

Con tag:,