Ricerca

Stato della vitamina D, infezione da enterovirus e diabete di tipo 1 in bambini/adolescenti italiani.

Una equipe di ricercatori italiani composta dai MD Federico G MD Randazzo E Unità pediatrica per il diabete, Dipartimento di Pediatria, Scuola medica dell’Università di Pisa, Italia.

MD Genoni A,  MD Puggioni A    MD Toniolo A  Laboratorio di Microbiologia Clinica, Dipartimento di Biotecnologie, Università dell’Insubria e Ospedale di Circolo, Varese, Italia.

MD Saba A Laboratorio di Endocrinologia, Dipartimento di Patologia Chirurgica, Scuola Medica dell’Università di Pisa, Italia.

MD Gallo D Unità di Endocrinologia e Metabolismo, Dipartimento di Medicina e Chirurgia, Università dell’Insubria e Ospedale di Circolo, Varese, Italia.

MD Salvatoni A  Clinica pediatrica, Dipartimento di Medicina e Chirurgia, Università dell’Insubria e Ospedale di Circolo, Varese, Italia.

Ha pubblicato sulla rivista scientifica Pediatric Diabetes un report circa l’intreccio tra infezione da enterovirus e diabete di tipo 1, vitamina D nei bambini e adolescenti con diabete tipo 1.

Al momento dell’inizio clinico del diabete di tipo 1 ( T1D ), i ricercatori italiani hanno studiato 82 casi pediatrici in parallelo con 117 controlli non diabetici abbinati per età, area geografica e tempo di raccolta. Il verificarsi di un’infezione enterovirale è stata valutata nel sangue periferico utilizzando un metodo sensibile in grado di rilevare praticamente tutti i tipi di enterovirus umano (EV). Mentre i controlli non diabetici sono stati coerentemente negativi all’EV, il 65% dei casi di T1D ha trasportato EV nel sangue. Lo stato della vitamina D è stato valutato misurando la concentrazione di 25-idrossivitamina D [25 (OH) D] nel siero. I livelli di 25 (OH) D sono stati interpretati come carenza (?50 nmol / L), insufficienza (52,5-72,5 nmol / L), sufficienza (75-250 nmol / L).

In T1D casi la concentrazione mediana sierica di 25 (OH) D era 54,4 ± 27,3 nmol / L vs 74,1 ± 28,5 nmol / L nei controlli (p = 0,0001). I bambini / adolescenti diabetici hanno mostrato livelli carenti di vitamina D 25 (OH) D (cioè 72,5 nmol / L) nel 48,8% dei casi rispetto al 17,9% nei controlli non diabetici (p = 0,0001).

Inaspettatamente, la concentrazione mediana di vitamina D è risultata significativamente ridotta nei diabetici virus-positivi rispetto ai virus-negativi (48,2 ± 22,5 vs 61,8 ± 31,2 nmol / L; p = 0,015), con livelli carenti nel 58,5% rispetto al 31,0%, rispettivamente.

Pertanto, al momento dell’insorgenza clinica, i casi EV-positivi avevano ridotto i livelli di vitamina D rispetto ai casi EV-negativi.

Questo potrebbe indicare che i bambini / adolescenti con virus-negativi erano stati colpiti da un T1D non infettivo- evento pericoloso, o che bambini / adolescenti con livelli adeguati di vitamina D siano stati in grado di liberare rapidamente il virus. Pertanto, sarebbe importante valutare se un’integrazione adeguata di vitamina D prima o durante la fase pre-diabetica del T1D possa contrastare il potenziale diabetogenico degli agenti patogeni infettivi.