Educazione

La tecnologia che punta all’autosufficienza sanitaria dovrebbe considerare i valori dei pazienti con malattia cronica

Aiutare i pazienti a gestire meglio la propria salute è un obiettivo cruciale, sia dal punto di vista medico che economico, ma il raggiungimento di tale obiettivo richiederà tecnologie sanitarie sensibili ai valori dei pazienti, lo fanno presente i ricercatori della Washington State University.

Le malattie croniche, come il diabete, l’asma e le malattie cardiache sono in aumento in tutto il mondo. I Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie riferiscono che le malattie croniche sono i problemi di salute più diffusi e costanti che affliggono gli Stati Uniti.

Di conseguenza, il progresso della salute gestita dal paziente con l’uso delle tecnologie è una priorità crescente. Mentre i dispositivi medici, le soluzioni Web e le app mobili hanno consentito ai malati di gestire le loro condizioni, poco si sa su come i loro valori personali siano supportati o vincolati da queste tecnologie.

Minori costi aprendo le porte

“I pazienti con malattie croniche hanno un forte bisogno di sistemi tecnologici che li aiutino in modo più efficace ad affrontare problemi di salute intrusivi”, ha detto il ricercatore Majid Dadgar, un fresco laureato della WSU e professore assistente presso la School of Management dell’Università di San Francisco.

Con il calo dei prezzi, la tecnologia sanitaria è più che mai disponibile per i pazienti con malattie croniche e presenta un’opportunità in cui “possiamo avere un impatto positivo nei loro processi di gestione senza interferire nelle loro vite”, ha affermato Dadgar. “Non si tratta solo di realizzare un profitto”.

Per informare sulla progettazione delle tecnologie di autogestione, Dadgar e il coautore KD Joshi, professore del WSU al Carson College of Business, hanno analizzato i dati raccolti da persone che usano “Glucose Buddy”, un’applicazione mobile gratuita comunemente utilizzata dai pazienti diabetici. I partecipanti hanno utilizzato l’app per conto proprio per una settimana mantenendo i diari sul proprio rendimento, quindi hanno riferito le proprie esperienze.

Implicazioni per i pazienti

Lo studio ha dimostrato che 12 valori sono particolarmente importanti per i pazienti diabetici : accessibilità, responsabilità, autonomia, compliance, dignità, empatia, feedback, speranza, gioia, privacy, senso e fiducia.

Ad esempio, l’autonomia dei pazienti può essere migliorata attraverso un diario telefonico che consente loro di immettere ulteriori informazioni mentre gestiscono autonomamente i loro livelli glicemico. Inoltre permettere loro di personalizzare le routine. Inoltre, i pazienti con accesso a risorse basate sul Web o tecnologia di telefonia mobile che li collega immediatamente agli infermieri, sono più fiduciosi nella gestione delle loro condizioni croniche.

I pazienti hanno indicato che la connettività e analisi dei dati, il recupero degli stessi e la loro memorizzazione sono di fondamentale importanza per le funzionalità del sistema di autogestione. Queste funzionalità forniscono ai pazienti una comunicazione in tempo reale con i fornitori di assistenza sanitaria e gli educatori sanitari e migliorano l’interpretazione e l’archiviazione dei loro dati personali sulla salute , come il livello di attività, le calorie bruciate e il potenziale impatto sui livelli di glucosio nel sangue. Un database alimentare completo e automatizzato, ad esempio, potrebbe visualizzare calorie e carboidrati, rendendo più facile per i pazienti scegliere cibi sani.

Implicazioni per gli operatori sanitari e i responsabili politici

I ricercatori suggeriscono che i valori rivelati nello studio possono essere utilizzati per guidare la progettazione di tecnologie di autogestione di valore sensibile e incoraggiarne l’uso per guidare determinati risultati di assistenza sanitaria. Per esempio, il controllo delle porzioni è intrecciato con il valore della gioia (cioè, i pazienti che mangiano il cibo di cui godono). Questa intuizione potrebbe spingere i fornitori di assistenza sanitaria a raccomandare l’uso di tecnologie per bilanciare gli effetti negativi di determinati alimenti con i benefici di godersi la vita mentre i pazienti imparano a convivere con la condizione cronica. Inoltre, l’analisi dell’impatto sui risultati dei pazienti potrebbe aiutare gli operatori sanitari a armonizzare le priorità al fine di gestire i sintomi in accordo con le preoccupazioni dei pazienti riguardo ai loro valori.

“La nostra ricerca mira a far progredire la comprensione della complessità dell’autogestione delle malattie croniche “, ha detto Dadgar “L’autogestione coinvolge una rete di componenti”, tra cui:

  • I familiari o gli amici dei pazienti.
  • Adattarsi a un nuovo stile di vita, processi e attività.
  • Gestione dei farmaci, prodotti e servizi.
  • Interpretazione delle informazioni sulla malattia.

“Idealmente, qualsiasi sistema di autogestione suggerita dovrebbe considerare tutte queste componenti e, soprattutto, essere attenti ai valori dei pazienti “, ha affermato Dadgar.

“The Role of Information and Communication Technology in Self-Management of Chronic Diseases: An Empirical Investigation through Value Sensitive Design” Journal of the Association for Information Systems.