Varie

Mi rifiuto! Cose dell’altro mondo

Una donna con diabete di tipo 1 sta sollecitando il suo consiglio distrettuale a ribaltare la decisione di iniziare a caricare i costi dei contenitori per gli oggetti taglienti.

Claire Clarke, 43 anni, che ha il diabete di tipo 1 dall’età di sei anni, è scontenta che il consiglio del distretto di Thanet si aspetta un pagamento per lo smaltimento dei rifiuti clinici dal 1° aprile.

Parlando con Kent Live, Claire ha detto: “Non ho chiesto questa condizione, ma devo conviverci e ora sono accusata, furiosa come molti altri”.

Claire non crede che sia giusto aspettarsi che lei debba pagare per la raccolta dei suoi aghi usati , un servizio che è stato storicamente sempre libero nella sua area.

La madre ha aggiunto: “Ora dobbiamo pagare di più in aggiunta agli aumenti delle tasse comunali, molte persone non possono permettersi di nutrire adeguatamente le loro famiglie , figuriamoci se hanno una figlia di tipo 1, un sacco di brutte sensazioni a proposito – non solo da persone colpite “.

In una lettera scritta dal consiglio, la decisione è stata “non presa alla leggera” e i costi sono stati ridotti al “minimo”.

Le spese variano a seconda della quantità di rifiuti. La fornitura e la raccolta di sacchi clinici costerà £ 214,13 l’anno, la fornitura e la raccolta di contenitori da 11,5 litri di materiale tagliente costerà £ 6,71 e i contenitori per gli oggetti taglienti da 22 litri costano £ 8,49 per raccolta.

Il consiglio ha aggiunto: “Nell’attuale clima finanziario, la questione della tariffazione è stata rivista e nel mese di dicembre 2017 è stato concordato dal consiglio comunale che il distretto deve ora pagare per questo servizio”.

Un portavoce del consiglio distrettuale di Thanet ha dichiarato: “I residenti che sono registrati con noi per le raccolte di rifiuti clinici sono stati contattati direttamente sulle nuove tariffe per il servizio.

” I consigli sono stati in grado di addebitare questo servizio per un certo numero di anni ma ora non è più sostenibile.”

Claire sta ora facendo pressioni sul Consiglio – insieme a molte altre persone colpite – per cercare di ottenere l’annullamento della decisione.

Benedict Jephcote, dirigente dell’Associazione Diabetici della Gran Bretagna, ha dichiarato: “Un problema con questa decisione del Consiglio è che potrebbe incentivare le persone a buttare rifiuti medici, come gli aghi usati, nell’indifferenziata, il che potrebbe rappresentare un grave pericolo di trasmissione di malattie con il sangue che si prevengono da un corretto smaltimento dei cestini per gli oggetti taglienti, è molto importante per questo motivo vengano usati gli appositi cestini per gli oggetti acuminati.”

Categorie:Varie

Con tag:,