Diritti e rovesci

L’OMS sottolinea la priorità della copertura sanitaria universale

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) mercoledì ha invitato i paesi della regione del Sud-Est asiatico a intensificare gli sforzi per la copertura sanitaria universale, a fornire servizi sanitari di qualità a tutte le persone quando e dove ne hanno bisogno, senza dover soffrire di difficoltà finanziarie.

“La copertura sanitaria universale è fondamentale per migliorare la salute e il benessere – un diritto umano fondamentale. È anche un imperativo per il benessere di un paese mentre le popolazioni più sane creano economie più produttive”, ha detto il dott. Poonam Khetrapal Singh, Direttore regionale dell’OMS Asia Sud Meridionale Orientale, in occasione della Giornata mondiale della salute, celebrata il 7 aprile di ogni anno.

Il tema della Giornata mondiale della salute di quest’anno è la copertura sanitaria universale: tutti, ovunque. La copertura sanitaria universale (UHC) è un programma faro dell’OMS nella regione dal 2014. Negli ultimi anni, tutti gli Stati membri hanno adottato varie iniziative che hanno contribuito a migliorare l’accesso ai servizi sanitari essenziali. Tuttavia, le sfide rimangono.

Quasi la metà della popolazione della regione Sud-Est asiatico dell’OMS manca ancora di una copertura completa dei servizi sanitari essenziali. Persistono disuguaglianze significative. Le persone più povere, e quelle nelle aree rurali, hanno un accesso inferiore rispetto alle persone più ricche e che vivono nelle aree urbane.

Circa 65 milioni sono spinti in condizioni di estrema povertà, principalmente a causa del pagamento diretto per farmaci, in particolare per malattie non trasmissibili come le cardiache, diabete ecc. E altri disturbi comuni. La dott.ssa Khetrapal Singh ha detto che sono necessari ulteriori sforzi per aumentare le risorse umane per la salute, migliorare le competenze degli operatori sanitari e la conservazione del personale di assistenza nelle aree rurali e difficili da raggiungere, per garantire servizi sanitari di qualità disponibili per tutti, ovunque.

I servizi sanitari devono essere pianificati in base alle esigenze delle persone, ha affermato, evidenziando che entro il 2020 la maggior parte della popolazione della regione avrà più di 60 anni rispetto ai giovani sotto i cinque anni. Di conseguenza, l’invecchiamento della popolazione, l’inversione del peso crescente delle malattie non trasmissibili e la diagnosi precoce e il trattamento tempestivo delle malattie infettive dovrebbero essere al centro dei servizi di prima linea.

È inoltre fondamentale aumentare l’accesso alla qualità e ai farmaci essenziali a prezzi accessibili. Il pagamento di denaro per farmaci è la principale causa di difficoltà finanziarie derivanti dalla spesa sanitaria in questa regione, ha affermato il Direttore regionale. UHC comprende l’intero spettro di servizi sanitari essenziali e di qualità, dalla promozione della salute alla prevenzione, al trattamento, alla riabilitazione e alle cure palliative.

Garantire la copertura sanitaria universale contribuirà a rafforzare la sicurezza sanitaria rendendo più facile contenere la diffusione di malattie infettive e rispondere efficacemente alle calamità naturali a cui è soggetta la regione del Sud-Est asiatico dell’OMS. I Paesi della Regione si sono impegnati a monitorare chi non è coperto dai servizi sanitari e perché, e riesaminare ogni anno i progressi sugli obiettivi sanitari di UHC e SDG3 fino al 2030.

L’UHC è fattibile e può essere raggiunto progressivamente, a volte con passi rapidi e rivoluzionari; a volte attraverso una riforma graduale ma cruciale, ha detto il direttore regionale. “Nella Giornata mondiale della salute, dobbiamo riflettere e decidere di lavorare per il raggiungimento dell’UHC, per cambiare la vita di milioni di persone in tutta la regione e oltre. Dobbiamo continuare a lottare per una copertura sanitaria che sia per tutte le persone ovunque e che lasci nessuno dietro “, ha detto il Dr Khetrapal Singh.

Categorie:Diritti e rovesci

Con tag:,,