Donne e diabete

Una nuova intuizione del ruolo protettivo degli estrogeni nel diabete tipo 2

Dati epidemiologici indicano un’esplosione di casi di diabete di tipo 2 per le donne dopo la menopausa. Di cosa è responsabile? Il ruolo sorprendentemente protettivo degli estrogeni, evidenziato dal fatto che una donna sottoposta a terapia ormonale sostitutiva ha fino al 35% in meno di rischio di sviluppare diabete di tipo 2 rispetto a una senza trattamento. Delucidando in che modo gli estrogeni influiscono su due degli ormoni coinvolti nell’omeostasi del glucosio, glucagone e GLP1, i ricercatori dell’Università di Ginevra (UNIGE), Svizzera e presso gli ospedali universitari di Ginevra (HUG) hanno dimostrato il valore della supplementazione di estrogeni dall’inizio della menopausa .

Questa ricerca, pubblicata su JCI Insight, mostra anche che solo uno dei tre recettori per gli estrogeni sembra essere coinvolto in questo meccanismo. Ciò potrebbe in definitiva fornire terapie molto più mirate con una molecola specifica che impedirebbe alle pazienti gli effetti collaterali a volte imbarazzanti quando trattate con un regime ormonale troppo potente.

Gli esperti di diabete sanno che le donne in pre-menopausa hanno meno probabilità rispetto agli uomini di sviluppare il diabete di tipo 2. Tuttavia, dopo la menopausa, la tendenza si inverte molto chiaramente, evidenziando il ruolo protettivo degli ormoni sessuali femminili e in particolare degli estrogeni. Ma qual è il loro effetto specifico sul metabolismo? A questa domanda è stata data risposta dal team guidato da Jacques Philippe, specialista in Diabete presso la Facoltà di Medicina dell’UNIGE e Capo del Dipartimento HUG di Endocrinologia, Diabete, Ipertensione e Nutrizione.

“Numerosi scienziati stanno lavorando sull’effetto degli estrogeni nelle cellule produttrici di insulina pancreatica”, afferma Sandra Handgraaf, ricercatrice presso la Facoltà di Medicina e primo autore di questo lavoro. “Ma il suo effetto sulle cellule produttrici di glucagone, un altro ormone che regola lo zucchero nel sangue, non era mai stato esplorato prima, anzi, se il pancreas secerne l’insulina, secerne anche il glucagone, un ormone con l’effetto opposto: l’insulina cattura lo zucchero, mentre il glucagone lo rilascia Il diabete è quindi dovuto a uno squilibrio tra questi due ormoni che controllano il livello di zucchero nel sangue.”

Cellule pancreatiche, ma anche intestinali

La somministrazione di estrogeni a topi femmina in post menopausa ha portato gli scienziati di Ginevra a identificare una maggiore tolleranza al glucosio, correlata a un minor rischio di diabete. Tuttavia, se ci si aspettava l’effetto sull’insulina, l’effetto sul glucagone – e in particolare sul GLP1, un ormone intestinale e pancreatico che aumenta la produzione di insulina – era molto minore. Questi risultati hanno confermato la sensibilità agli estrogeni delle cellule alfa pancreatiche, che quindi secernono meno glucagone iperglicemico, ma più GLP1. Rilasciato anche dall’intestino durante l’assorbimento del pasto, questo ormone stimola la secrezione di insulina, inibisce la secrezione di glucagone e induce la sensazione di sazietà. La mancanza di GLP1 è quindi un indicatore essenziale e poco compreso dell’insorgenza del diabete. Il ruolo svolto da GLP1 rappresenta una spiegazione importante della protezione delle donne in merito all’esordio del diabete prima della menopausa.

“Questa prima osservazione era già interessante”, spiega Sandra Handgraaf. “Ma abbiamo fatto un ulteriore passo avanti: le cellule del budello chiamate cellule L sono molto simili alle celle alfa pancreatiche e la cui funzione principale è precisamente quella di produrre GLP1. Abbiamo anche osservato un forte aumento della produzione di GLP1 nelle cellule intestinali, dimostrando così il ruolo cruciale dell’intestino nel controllo dell’equilibrio dei carboidrati e l’influenza degli estrogeni sull’intero metabolismo in gioco “. Questi risultati sono stati anche confermati su cellule umane e campioni di tessuto.

Trattamenti di sostituzione interessanti

I trattamenti di sostituzione ormonale sono spesso soggetti a pubblicità negativa, principalmente a causa dei rischi cardiovascolari ad essi associati. “È importante ricordare che la sostituzione ormonale, se presa all’inizio della menopausa e solo per alcuni anni, non causa alcun particolare rischio di eventi cardiovascolari”, sottolinea Jacques Philippe. “Tuttavia, se il trattamento ormonale viene assunto più di 10 anni dopo la menopausa, il rischio cardiovascolare è effettivamente aumentato. Nel contesto del diabete, un trattamento estrogenico permette di evitare, in tutti i casi, l’esplosione di casi di diabete femminile. amministrato, può davvero aggiungere valore alla salute delle donne “.

Nel loro studio, i ricercatori di Ginevra sono stati anche in grado di dissezionare i meccanismi cellulari fini coinvolti: dei tre recettori per gli estrogeni, solo uno è principalmente coinvolto in questo effetto protettivo. Sarebbe quindi possibile sviluppare una molecola che attiva solo il recettore interessante, con un effetto molto più mirato. “Si potrebbe immaginare un trattamento che, senza gli effetti collaterali di una terapia ormonale un po ‘troppo potente, si rivolgerebbe anche agli uomini”, conclude Sandra Handgraaf.