Batticuore

La depressione ha un impatto negativo sul cuore e sui pazienti colpiti da ictus

Victor Okunrintemi M.D. M.P.H.

La depressione, anche quando non diagnosticata, può avere molti effetti negativi sui pazienti cardiovascolari, tra cui scarsa esperienza sanitaria, maggiore utilizzo delle risorse sanitarie e costi sanitari più alti, secondo la ricerca preliminare presentata presso l’American Heart Association Qualità delle cure e risultati Ricerca Sessioni scientifiche 2018, un importante scambio globale circa gli ultimi progressi in termini di qualità dell’assistenza e risultati della ricerca sulle malattie cardiovascolari e ictus per ricercatori, operatori sanitari e responsabili delle politiche.

Circa un quinto dei pazienti con malattie cardiovascolari soffre di depressione.

“Anche se non sappiamo quale sia il primo caso – depressione o malattia cardiovascolare – il consenso è che la depressione rappresenta un marker di rischio per le malattie cardiovascolari, nel senso che se hai una malattia cardiovascolare, c’è una maggiore probabilità che tu possa anche avere depressione, rispetto al rischio nella popolazione generale “, ha detto Victor Okunrintemi, MD, MPH, ricercatore presso Baptist Health South Florida a Coral Gables, in Florida, e autore principale di una coppia di studi che ha esaminato diversi aspetti della depressione e malattia cardiovascolare.

In uno studio, Okunrintemi e colleghi hanno valutato l’esperienza del paziente, la spesa sanitaria e l’uso delle risorse in una grande popolazione di pazienti adulti con malattie cardiovascolari, dividendoli in due gruppi: quelli a cui era stata diagnosticata la depressione e quelli a cui non era stata diagnosticata la depressione. Sulla base delle risposte fornite da un questionario sulla salute, i pazienti a cui non era stata diagnosticata la depressione erano suddivisi in gruppi ad alto rischio e a basso rischio di depressione.

Quando i ricercatori hanno confrontato i gruppi di pazienti cardiovascolari ad alto e basso rischio senza depressione, hanno trovato:

  • Quelli ad alto rischio di depressione hanno impiegato più sulle spese sanitarie complessive e out-of-pocket ogni anno rispetto ai pazienti nel gruppo a basso rischio.
  • I pazienti ad alto rischio per la depressione avevano il doppio delle probabilità di essere ospedalizzati e hanno usato il pronto soccorso più di quelli a basso rischio.
  • I pazienti ad alto rischio avevano più di cinque volte più probabilità di avere uno stato di salute auto-percepito scadente e quasi quattro volte probabilità in più di essere insoddisfatti della loro assistenza sanitaria.
  • I pazienti ad alto rischio di depressione hanno peggiorato in particolare la qualità della vita correlata all’assistenza sanitaria.

“Quando abbiamo confrontato i pazienti non depressi con quelli a cui era stata diagnosticata la depressione, abbiamo riscontrato che coloro che non lo erano e che presentavano un rischio maggiore per la depressione riscontravano peggiori esperienze sanitarie, maggiore uso del pronto soccorso, scarsa percezione del loro stato di salute e una minore qualità della vita correlata alla salute rispetto a quelli che in realtà avevano la depressione “, ha detto Okunrintemi. “Questo potrebbe essere perché le persone ad alto rischio di depressione semplicemente non sono state ancora diagnosticate e trattate per tale patologia.”

In un secondo studio, confrontando l’uso delle risorse sanitarie e le spese tra i pazienti con infarto cardiaco con e senza depressione, Okunrintemi e colleghi hanno scoperto che i pazienti con infarto miocardico diagnosticati con depressione avevano il 54% in più di probabilità di essere ospedalizzati e il 43% in più a rischio di avere visite al pronto soccorso, rispetto a quelli non diagnosticati con depressione.

Inoltre, i pazienti con attacco di cuore e depressione hanno speso circa 4.381 dollari in più, ogni anno sulle spese sanitarie, rispetto a quelli senza.

“La depressione e l’attacco cardiaco spesso coesistono, il che è stato associato a peggiori esperienze di salute per questi pazienti”, ha detto. “Come misura di miglioramento della qualità per aumentare l’efficienza sanitaria, raccomandiamo uno screening della depressione più aggressivo nelle visite di follow-up per i pazienti con infarto.”

In uno studio separato condotto da un diverso gruppo di ricercatori, i pazienti con ictus diagnosticati con depressione prima di avere un ictus avevano maggiore possibilità di quelli senza depressione a riportare declini funzionali e peggioramento degli ictus sulla salute e sulla qualità della vita mesi dopo l’ictus.

I ricercatori hanno studiato più di 1.600 pazienti con gravità dell’ictus simile e stato funzionale quando dimessi dall’ospedale. Tre e sei mesi dopo gli ictus, hanno scoperto che quelli con diagnosi di depressione prima di avere un ictus avevano il 56% in più di probabilità rispetto a quelli senza depressione a riportare declini funzionali e un maggiore impatto negativo legato all’ictus sulla salute e sulla vita.

I ricercatori chiedono strategie per gestire in modo più efficace la depressione esistente tra i pazienti colpiti da ictus per migliorare la salute dei pazienti e la qualità della vita dopo l’ictus

Categorie:Batticuore

Con tag:,