Batticuore

Lo squilibrio ormonale provoca ipertensione resistente al trattamento

Ricercatori britannici hanno scoperto uno squilibrio ormonale che spiega perché è molto difficile controllare la pressione arteriosa in circa il 10% dei pazienti con ipertesi.

Il team, guidato dalla Queen Mary University di Londra, ha scoperto che l’ormone steroideo “aldosterone” provoca l’accumulo di sale nel sangue. L’accumulo di sale si verifica anche in pazienti con diete ragionevoli e aumenta la pressione sanguigna nonostante l’uso di diuretici e altri trattamenti standard.

Due pazienti nello studio con ipertensione precedentemente resistente sono stati in grado di eliminare tutti i farmaci dopo che un nodulo benigno di produzione di aldosterone è stato scoperto in un surrene e rimosso chirurgicamente.

L’ipertensione arteriosa è una delle più comuni e importanti cause prevenibili di infarto, insufficienza cardiaca, ictus e morte prematura. Colpisce oltre 1 miliardo di persone in tutto il mondo e rappresenta circa 10 milioni di decessi potenzialmente evitabili all’anno.

La maggior parte dei pazienti può essere trattata efficacemente con adattamenti al loro stile di vita e con l’uso regolare di farmaci. Tuttavia, in circa 1 su 10 pazienti, la pressione arteriosa può essere difficile da controllare e viene definita “ipertensione resistente”. Questi pazienti sono a più alto rischio di ictus e malattie cardiache perché la loro pressione sanguigna rimane incontrollata.

I nuovi risultati provengono da una prova durata sei anni in 314 pazienti con ipertensione resistente, intrapresa da ricercatori della British Hypertension Society, finanziata dalla British Heart Foundation e dall’Istituto nazionale per la ricerca sanitaria, e pubblicata sulla rivista The Lancet Diabetes & Endocrinology

La capo ricercatrice Morris Brown della Queen Mary University di Londra ha dichiarato: “Questa è stata una meravigliosa storia di utilizzo di sofisticati metodi moderni per risolvere un vecchio problema: perché alcuni pazienti hanno un’ipertensione apparentemente irrecuperabile. Noi ci siamo impegnati duramente per identificare l’ormone che guida questo processo e per curare la maggior parte dei pazienti. ”

Il professor Bryan Williams dell’University College di Londra ha dichiarato: “Questi risultati sono importanti perché cambieranno la pratica clinica in tutto il mondo e contribuiranno a migliorare la pressione sanguigna e gli esiti dei nostri pazienti con ipertensione resistente.

“È straordinario quando tanti progressi nella medicina dipendono da costose innovazioni, che siamo stati in grado di rivisitare con l’uso di farmaci sviluppati oltre mezzo secolo fa e mostrare che per questa popolazione di pazienti difficile da trattare, funzionano davvero bene “.

Nel lavoro precedente, il team ha dimostrato che l’ipertensione resistente è controllata molto meglio dal farmaco spironolattone (un bloccante steroideo di aldosterone) rispetto ai farmaci autorizzati per l’uso nell’ipertensione. Ora hanno dimostrato che la superiorità dello spironolattone è dovuta alla sua capacità di superare l’eccesso di sale nell’ipertensione resistente.

Hanno anche scoperto che lo spironolattone può essere sostituito, con buoni risultati, da un farmaco, l’amiloride, che potrebbe essere un’opzione per i pazienti incapaci di tollerare lo spironolattone.

La ricerca viene dallo studio PATHWAY-2, parte di una serie di ricerche progettate per sviluppare metodi più efficaci di trattamento della pressione alta. Si è studiata l’ipotesi che l’ipertensione resistente fosse causata principalmente da un difetto nell’eliminazione di sale e acqua e che in questi pazienti sarebbe stata meglio trattarla con una terapia diuretica aggiuntiva per promuovere l’escrezione di sale e acqua dai reni.

Categorie:Batticuore, Terapie

Con tag: