Ricerca

Carenza di vitamina D legata a un maggior rischio di diabete tipo 2

Cedric Garland, Dr.PH, UC San Diego School of Medicine.

Uno studio epidemiologico condotto da ricercatori dell’Università della California di San Diego School of Medicine e Seoul National University suggerisce che le persone con deficit di vitamina D possono essere maggiormente a rischio di sviluppare il diabete tipo 2.

I risultati sono riportati nel numero online di PLOS One del 19 aprile 2018.

Gli scienziati hanno studiato una coorte di 903 adulti sani (età media: 74 anni) senza segni di pre-diabete o diabete durante le visite cliniche dal 1997 al 1999, e poi hanno seguito i partecipanti fino al 2009. I livelli di vitamina D nel sangue sono stati misurati durante questi visite, insieme a glicemia a digiuno e tolleranza al glucosio orale.

Nel corso del tempo, ci sono stati 47 nuovi casi di diabete e 337 nuovi casi di pre-diabete, in cui i livelli di zucchero nel sangue sono più alti del normale ma non ancora abbastanza alti da essere classificati come diabete di tipo 2.

Per lo studio, i ricercatori hanno identificato il livello minimo sano di 25-idrossivitamina D nel plasma sanguigno di 30 nanogrammi per millilitro. Questo è 10 ng / ml sopra il livello raccomandato nel 2010 dall’Istituto di Medicina, ora parte della The National Academies, un gruppo di consulenza sanitaria al governo federale. Molti gruppi, tuttavia, hanno sostenuto livelli più elevati di siero nel sangue di vitamina D, fino a 50 ng / ml. La questione rimane molto dibattuta.

“Abbiamo riscontrato che i partecipanti con livelli ematici di 25-idrossivitamina D superiori a 30 ng / ml avevano un terzo del rischio di diabete e quelli con livelli superiori a 50 ng / ml avevano un quinto del rischio di sviluppare diabete”, ha detto il primo autore Sue K. Park, MD, nel Dipartimento di Medicina Preventiva del Collegio Nazionale di Medicina dell’Università di Seoul in Corea del Sud.

Il co-autore dello studio Cedric F. Garland, DrPH, professore a contratto presso il Dipartimento di medicina della famiglia e sanità pubblica di San Diego, ha detto che le persone con livelli di 25-idrossivitamina D inferiori a 30 ng / ml sono state considerate carenti di vitamina D. Queste persone, hanno scoperto i ricercatori, erano fino a cinque volte più a rischio di sviluppare il diabete rispetto alle persone con livelli superiori a 50 ng / ml.

Garland, che ha studiato in precedenza le connessioni tra i livelli di vitamina D e vari tipi di cancro, ha detto che lo studio si basa su precedenti ricerche epidemiologiche collegate a carenza di vitamina D e un più alto rischio di diabete. Gli studi epidemiologici analizzano la distribuzione e i determinanti delle condizioni di salute e malattia. Non necessariamente dimostrano causa-effetto.

“Sono necessarie ulteriori ricerche sull’eventualità che alti livelli di 25-idrossivitamina D possano prevenire il diabete di tipo 2 o il passaggio dal pre-diabete al diabete “, ha affermato Garland. “Ma questo studio e le ricerche precedenti indicano che esiste una forte associazione”.

Garland e altri hanno a lungo sostenuto i benefici per la salute della vitamina D. Nel 1980, lui e il suo defunto fratello Frank C. Garland, anche lui epidemiologo, pubblicarono un autorevole articolo che postulava la vitamina D (prodotta dal corpo attraverso l’esposizione al sole) e il calcio (il quale aiuta l’organismo ad assorbire la vitamina D) insieme riducono il rischio di cancro al colon. I ricercatori hanno successivamente trovato associazioni con tumori al seno, ai polmoni e alla vescica.

Per raggiungere livelli di 25-idrossivitamina D di 30 ng / ml, Garland ha detto che richiederebbero integratori alimentari da 3.000 a 5.000 unità internazionali (UI) al giorno, meno con l’aggiunta di un’esposizione solare giornaliera moderata con indumenti minimi (circa 10-15 minuti per giorno all’aperto a mezzogiorno).

L’attuale quantità media giornaliera raccomandata di vitamina D è di 400 UI per i bambini fino a 1 anno; 600 IU per età da 1 a 70 anni (meno per le donne incinte o che allattano) e 800 IU per le persone oltre 70, secondo il National Institutes of Health. Le quantità giornaliere più elevate di vitamina D sono generalmente considerate sicure, ma i livelli sierici di sangue superiori a 125 ng / ml sono stati associati a effetti collaterali avversi, quali nausea, stitichezza, perdita di peso, problemi del ritmo cardiaco e danni ai reni.

Categorie:Ricerca

Con tag:,