Complicanze varie/eventuali

Nuova speranza per il trattamento di ferite diabetiche che non guariscono

La guarigione delle ferite è migliorata nei topi diabetici privi di TSP2. Queste sono immagini ingrandite di ferite 10 giorni dopo l’infortunio da (A) topi diabetici e (B) topi diabetici privi di TSP2. Le sezioni sono colorate con Trichrome di Masson, che consente la visualizzazione della matrice extracellulare (blu) e del nuovo epitelio (rosa chiaro) nella ferita in guarigione. Le frecce nere indicano i bordi della ferita. La ferita nel topo diabetico rimane aperta, mentre la ferita nel topo diabetico priva di TSP2 è chiusa.

Una delle complicazioni più frustranti e debilitanti del diabete è lo sviluppo di ferite sul piede o sulla parte inferiore della gamba. Una volta che si formano, possono persistere per mesi, portando a infezioni dolorose e pericolose.

Una nuova ricerca svela il ruolo di una particolare proteina nel mantenimento di queste ferite e suggerisce che invertire i suoi effetti potrebbe aiutare a migliorare la guarigione delle ferite nei pazienti con diabete.

“Abbiamo scoperto che una proteina specifica, la trombospondina-2 (TSP2), è elevata nelle ferite dei pazienti con diabete e nei modelli animali diabetici”, ha detto Britta Kunkemoeller, una specializzanda dell’Università di Yale che ha condotto lo studio. “Per determinare se il TSP2 contribuisca a ritardare la guarigione delle ferite, abbiamo rimosso geneticamente il TSP2 da un modello murino di diabete e osservato una migliore guarigione delle ferite.Il nostro studio dimostra che TSP2 potrebbe essere un bersaglio per una terapia specifica nelle ferite diabetiche .”

Kunkemoeller presenterà la ricerca alla riunione annuale dell’American Society for Investigative Pathology durante la riunione del 2018 del meeting di Biologia Sperimentale, in corso dal 21 al 25 aprile a San Diego.

Il diabete attualmente affligge quasi 26 milioni di americani, oltre l’8% della popolazione. Le ferite diabetiche sono una delle molte complicazioni della malattia.

Il trattamento per queste ferite è per lo più limitato alla normale cura delle stesse, come bende umide, rimozione di tessuti danneggiati e calzature che riducono la pressione sulla ferita. Nonostante queste misure, le ferite spesso persistono. Nei casi più gravi, diventa necessario amputare il piede o la gamba colpiti; le ferite diabetiche sono la principale causa di amputazione negli Stati Uniti.

La maggior parte dei precedenti lavori sulla guarigione delle ferite nel diabete si sono concentrati sui tipi di cellule coinvolte nella cicatrizzazione delle lesioni come le cellule immunitarie, le cellule della pelle e le cellule che formano i vasi sanguigni. Al contrario, la ricerca di Kunkemoeller si concentra su TSP2, un componente della matrice extracellulare. La matrice extracellulare è un reticolo che funge da base strutturale per le cellule, come l’impalcatura utilizzata nella costruzione.

Oltre a fornire supporto strutturale, la matrice extracellulare regola i processi che sono importanti per la guarigione delle lesioni, compreso il comportamento delle cellule immunitarie, della pelle e della formazione dei vasi. TSP2 è un componente della matrice extracellulare che influenza il modo in cui viene formata la matrice, nonché lo sviluppo e la comunicazione di altri tipi di cellule che crescono all’interno della stessa.

“La nostra attenzione al TSP2 ci ha quindi permesso di studiare una singola molecola che influenza diversi processi correlati alla guarigione delle ferite”, ha spiegato Kunkemoeller.

La squadra di ricercatori ha allevato topi che sviluppano il diabete di tipo 2 ma non possono produrre TSP2. Quando i ricercatori hanno indotto ferite in questi topi, e scoperto che i topi senza TSP2 guarivano significativamente meglio e più velocemente di altri che avevano il diabete insieme ai normali livelli di TSP2.

Hanno anche analizzato i fattori che influenzano la quantità di TSP2 prodotta dall’organismo. Questa parte dello studio ha rivelato che la produzione di TSP2 aumenta quando i livelli di zucchero nel sangue sono più alti, spiegando perché le persone con diabete hanno livelli più elevati di TSP2 rispetto alle persone senza diabete .

“Attualmente il nostro laboratorio sta sviluppando biomateriali ingegnerizzati derivati ??da una matrice extracellulare a cui manca il TSP2”, ha affermato Kunkemoeller. “Il nostro piano è quello di applicare tali materiali alle ferite diabetiche nei modelli murini al fine di valutarne l’efficacia. Più avanti, ulteriori ricerche si concentreranno sul prevenire la produzione o inibire la funzione del TSP2 nelle ferite diabetiche .”

Britta Kunkemoeller presenterà questa ricerca sabato 21 aprile.