Vista e dintorni

Cambiamenti dello spessore coroideale in pazienti con diabete non trattato

Lo spessore coroidale* cambia nei pazienti con diabete mellito non trattato nel tempo, secondo uno studio pubblicato online il 14 aprile su Clinical & Experimental Ophthalmology.

Hiroaki Endo, dell’Ospedale Teine Keijinkai di Sapporo, in Giappone, e colleghi hanno esaminato lo spessore dello strato coroidale in 268 occhi di 134 pazienti con diabete mellito e 72 controlli sani (92 occhi) per confrontare i risultati sulla base della storia medica dei trattamenti sistemici del diabete mellito e stadio della retinopatia diabetica (DR).

I ricercatori hanno osservato una forte correlazione tra i valutatori mascherati delle misurazioni dello spessore coroideale, dimostrando un’alta riproducibilità. Nel gruppo trattato con diabete mellito non trattato, lo spessore totale ed esterno della coroide nel DR non-proliferante lieve/moderato (mNPDR) era significativamente più sottile rispetto ai controlli normali. Nel NPDR grave, lo spessore dello strato esterno coroidale nel gruppo non trattato era significativamente più spesso rispetto ai controlli normali. Tuttavia, nel gruppo trattato per il diabete mellito, non c’erano differenze significative riguardo gli spessori dello strato coroidale e tutte le fasi del DR.

“Lo spessore coroideale è cambiato significativamente nel gruppo trattato con diabete mellito e le principali modifiche anatomiche potrebbero derivare dallo strato esterno”, scrivono gli autori.

  • Coroide: membrana dell’occhio, ricca di vasi, di colorazione nerastra, strato intermedio della tunica oculare, situata tra la sclerotica e la retina.