Ricerca

I fattori identificativi per prevedere il fegato grasso negli adolescenti obesi

L’etnia/razza, i marcatori di resistenza all’insulina e fattori genetici possono aiutare a identificare i giovani obesi a rischio di sviluppare il fegato grasso, secondo uno studio pubblicato online il 17 aprile in Epatology .

Domenico Tricò, MD, della Yale University School of Medicine di New Haven, Connecticut, e colleghi hanno condotto la risonanza magnetica addominale per quantificare il contenuto di grassi epatici, un test di tolleranza al glucosio orale per valutare la tolleranza al glucosio e la sensibilità all’insulina e la genotipizzazione di tre polimorfismi a singolo nucleotide associati a fegato grasso non alcolico per 503 adolescenti obesi. Le valutazioni sono state ripetute in 133 pazienti dopo due anni di follow-up.

Pubblicità e progresso

I ricercatori hanno scoperto che la prevalenza del fegato grasso era del 41,6% e variava ampiamente per etnia (42,9% per i caucasici, 15,7% per gli afro-americani e 59,6% per gli ispanici, P <0,0001). Gli afro-americani hanno mostrato la più alta prevalenza di omeostasi alterata del glucosio tra i pazienti con fegato grasso (66 per cento, P = 0.0003). Etnia caucasica o ispanica (P = 0.021), alti livelli di peptide C a digiuno (P = 0.0006) e aumento di peso (P = 0.0006) erano fattori di rischio per l’incidenza di fegato grasso. La risoluzione del fegato grasso non alcolico al follow-up è stata predetta dalla percentuale di frazione di grasso epatico (P = 0,004) e dalla perdita di peso (P = 0,032). Le prestazioni predittive sono state migliorate in modo significativo aggiungendo una qualsiasi delle varianti del gene alle altre variabili.

“La combinazione di etnia / razza con marcatori di resistenza all’insulina e fattori genetici aiuta a identificare i giovani obesi a rischio di sviluppare il fegato grasso”, scrivono gli autori.

Categorie:Ricerca

Con tag:,