Counseling/consulenze

I pazienti preferiscono i medici che effettuano visite faccia a faccia

I pazienti preferiscono medici che effettuano visite cliniche faccia a faccia (F2F), piuttosto che quelli che utilizzano un computer in ambulatorio (ERC), secondo una ricerca pubblicata online il 19 aprile su JAMA Oncology.

Ali Haider, MD, della University of Texas MD Anderson Cancer Center di Houston, e colleghi hanno condotto uno studio randomizzato controllato crossover che ha coinvolto 120 pazienti di una clinica di cure palliative. Le percezioni dei pazienti sulla compassione dei medici sono state valutate dopo aver visto due vignette standardizzate di video dei medici: una che illustrava le visite in clinica F2F e una che ritraeva un medico a il quale impiegava un ERC. Dopo aver visto ciascun video, i pazienti hanno compilato questionari valutando la compassione, le capacità comunicative e la professionalità dei medici.

I ricercatori hanno scoperto che dopo aver visto e valutato il primo video, la visita F2F ha prodotto risultati migliori per compassione, abilità comunicative e professionalità. Megliore la compassione, le capacità comunicative e i punteggi di professionalità sono stati visti anche per la visita F2F dopo l’analisi incrociata. Il 71% dei pazienti preferisce il medico F2F.

“Una corretta ottimizzazione dell’ERC e la formazione dei medici potrebbero migliorare la percezione dei pazienti”, scrivono gli autori. “Poiché l’attuale fornitura di assistenza sanitaria richiede l’uso di cartelle cliniche elettroniche, sono indispensabili studi futuri incentrati su strategie che possano mitigare gli effetti negativi dell’uso del digitale sulla comunicazione medico-paziente”.

Categorie:Counseling/consulenze

Con tag:,