Complicanze varie/eventuali

Screening microvascolare combinato efficace nella diagnosi precoce di neuropatia periferica diabetica

L’aggiunta di un esame del piede a uno screening retinico annuale per gli adulti con diabete può essere uno strumento efficace per la diagnosi precoce della neuropatia periferica, secondo i dati pubblicati in Diabetic Medicine.

“Data la crescente ondata di amputazioni nel Regno Unito, ci può essere una buona giustificazione per un servizio di screening robusto e ad alto assorbimento [neuropatia diabetica periferica], volto a diagnosticare precocemente la malattia in un punto in cui può essere fermata, in entrambi i tipi 1 e diabete di tipo 2,” Solomon Tesfaye, MB ChB, MD, FRCPconsulente medico/endocrinologo presso il Royal Hallamshire Hospital, Sheffield, Regno Unito, e professore onorario di diabetologia presso lo Sheffield Teaching Hospitals NHS Foundation Trust, e colleghi hanno scritto. “I risultati del presente studio mostrano che lo screening combinato di occhi, piedi e reni in una clinica di screening microvascolare one-stop era fattibile e aveva un’elevata accettabilità e captazione del paziente. Inoltre, questo servizio è stato condotto da un podologo con l’abilità di valutare il rischio del piede e le calzature e di riferire i pazienti a rischio in modo appropriato.”

Un podologo ha esaminato 236 pazienti con diabete (età media, 63,5 anni, 61,4% uomini, 97,8% con diabete di tipo 2) partecipando a screening retinici annuali presso il Northern General Hospital di Sheffield e l’ambulatorio di cure primarie presso il Jordanthorpe Medical Center, tra il 2015 e 2016. La valutazione ha incluso un accertamento basato sul punteggio clinico neuropatia di Toronto, un test monofilamento da 10 g e due misurazioni di neuropatia ottenute utilizzando i dispositivi point-of-care DPNCheck (Neurometrix) e Sudoscan (Impeto Medical), che sono stati scelti per la loro affidabilità in termini di portabilità, risultati rapidi e validazione dello screening.

Il 43 per cento dei partecipanti ha riferito di aver ricevuto in precedenza un’istruzione di base per la cura e trattamento dei piedi; la prova di screening del piede nell’ultimo anno è stata documentata per il 18,9%. Tra i partecipanti, il 56,6% ha riscontrato un rischio da moderato ad alto per le ulcere del piede e il 25% ha ricevuto una nuova diagnosi di polineuropatia distale simmetrica dolorosa.

Il servizio di screening one-stop è stato ben accolto dai pazienti con il 91,1% che dichiara di essere “a favore” o “fortemente favorevole” all servizio, secondo i ricercatori.

“L’identificazione precoce dei partecipanti con neuropatia insipiente usando questi metodi validati, ma non invasivi, consentirà un controllo metabolico intensificato mirato e altri potenziali nuovi interventi di trattamento al fine di prevenire la neuropatia periferica diabetica o arrestare la progressione della malattia”, hanno scritto i ricercatori.