Ricerca

Il diabete di tipo 2 fa proseliti tra i bambini in Nuova Zelanda

Un numero crescente di bambini e adolescenti sotto i 15 anni ad Auckland, Nuova Zelanda, sta sviluppando il diabete di tipo 2, e che i tassi tra i bambini di etnia polinesiana e M?ori sono 18 volte superiori rispetto a quelli europei.

I risultati si basano su 21 anni di registrazioni dei pazienti dallo Starship Pediatric Diabetes Service. Il dott. Craig Jefferies, a capo della ricerca afferma: “La gente continua a pensare che i bambini non abbiano il diabete, per non parlare di quello di tipo 2”.

Il diabete di tipo 2 è legato ai fattori dello stile di vita e più spesso si sviluppa in età adulta. Fino a poco tempo fa era estremamente raro vedere un bambino o un adolescente con diabete di tipo 2 – i primi casi di infanzia sono stati identificati in Nuova Zelanda solo negli anni ’90, dice.

Il dottor Jefferies è un endocrinologo pediatrico presso il Dipartimento Ricerca dello Starship Child Health e Liggins Institute. Al servizio di diabetologia pediatrica dello Starship, che fornisce assistenza a tutti i bambini e giovani di nuova diagnosi nella regione di Auckland, ha visto bambini di 10 anni con diabete di tipo 2.

“Il tasso attuale con cui l’incidenza del diabete di tipo 2 è in aumento è simile all’aumento della popolazione diabetica di tipo 1, che è del 3-5% all’anno. Quindi è un aumento dell’incidenza lento e costante”.

Lo studio ha rilevato che dal 1995 al 2015 il servizio ha trattato 104 giovani con diabete di tipo 2, con un’incidenza complessiva di 1,5 su 100.000. Ma salta a 3,6 per 100.000 per i giovani delle isole del Pacifico e 3,3 per 100.000 tra i Maori, contro l’1,4 per 100.000 dei bambini asiatici / mediorientali e quasi nessun caso negli europei (0,2 per 100.000). Anche le ragazze e i bambini delle famiglie più povere erano sovrarappresentati.

“Le differenze etniche sono eclatanti e in parte legate alle differenze nei tassi di sovrappeso e obesità – sebbene, poiché le differenze nei problemi di peso tra i gruppi etnici siano inferiori alle differenze nei tassi di diabete di tipo 2, il peso non è l’intero quadro.

Stiamo anche assistendo ad aumenti nella gioventù asiatica che non sono stati visti prima, anche se questo potrebbe riflettere i modelli di immigrazione “, afferma il dottor Jefferies.

“Alcune famiglie sono scioccate dalla diagnosi – non vedono il diabete come una malattia infantile – In altre famiglie, dove molti altri membri lo hanno già, c’è quasi un senso di fatalismo, ma se lo prendi presto, può gestirlo attraverso la dieta, l’esercizio fisico e i farmaci.

“I nostri risultati sono un promemoria per genitori, scuole e operatori sanitari per tenere d’occhio i sintomi del diabete nei giovani”.

Il diabete di tipo 1, una condizione autoimmune che non può essere prevenuta ma che può essere gestita attraverso uno stile di vita sano, è circa cinque volte più comune rispetto al diabete di tipo 2 nei giovani .

I sintomi di entrambi i tipi di diabete possono includere: sentirsi stanchi e privi di energia; perdere peso; sentirsi assetato; andare in bagno spesso; svegliarsi di notte per andare in bagno; bagnare il letto quando precedentemente asciutto; e ottenere infezioni frequenti o difficili da curare. Le persone con questi sintomi dovrebbero vedere un medico.

Lo studio è pubblicato sul Journal of Pediatrics and Child Health.

Categorie:Ricerca

Con tag:,