Compliance

La meditazione può aiutare l’ansia d’attesa per la visita medica dal diabetologo e la salute cardiovascolare

Sembra una pubblicità mandata in tv a tarda notte: in una sola ora puoi ridurre i livelli di ansia e alcuni fattori di rischio per la salute del cuore. Ma uno studio recente con 14 partecipanti mostra dati preliminari che, anche una singola sessione di meditazione, può portare benefici cardiovascolari e psicologici per gli adulti con ansia da lieve a moderata.

Pubblicità

John Durocher, assistente professore di scienze biologiche, ha sviluppato un lavoro in tale ambito di un team di ricercatori della Michigan Technological University sulla meditazione e consapevolezza nella sua capacità di ridurre l’ansia 

In “Mindfulness e Meditazione riduce il carico e l’ansia aortica negli adulti da lievi a moderatamente ansiosi”, Durocher, insieme ai colleghi ricercatori Hannah Marti, una recente laurea in Michigan, Brigitte Morin, docente di scienze biologiche, e Travis Wakeham, studente, spiega la scoperta che 60 minuti dopo aver meditato i 14 partecipanti allo studio mostravano frequenze cardiache a riposo più basse e riduzione del carico pilsante aortico – la quantità di variazione della pressione sanguigna tra diastole e sistole di ciascun battito cardiaco moltiplicata per frequenza cardiaca. Inoltre, poco dopo aver meditato e anche una settimana dopo, il gruppo ha riferito che i livelli di ansia erano inferiori ai livelli pre-meditazione.

“Anche una sola ora di meditazione sembra ridurre l’ansia e alcuni dei marcatori per il rischio cardiovascolare”, dice Durocher.

Mentre è ben documentato che la meditazione nel corso di diverse settimane riduce l’ansia, ci sono stati pochi studi di ricerca completi sui benefici di una singola sessione di meditazione. Il team di Durocher voleva capire l’effetto della consapevolezza acuta sulla cognizione e sul sistema cardiovascolare per migliorare il modo in cui sono progettate le terapie e gli interventi anti-ansia.

Studiare gli effetti fisiologici della meditazione consapevole

Durocher ha dichiarato che lo studio è imperniato su un progetto di ricerca proposto dal neolaureato Hannah Marti, laureatosi al Michigan Tech in ingegneria biomedica, inizierà la scuola di medicina a luglio presso il Medical College of Wisconsin.

Marti ha progettato lo studio di consapevolezza per includere tre sessioni:

  • Una sessione di orientamento durante la quale i ricercatori hanno misurato l’ansia utilizzando il Beck Anxiety Inventory (BAI) e condotto test cardiovascolari misurando la variabilità della frequenza cardiaca, la pressione sanguigna a riposo e l’analisi delle onde del polso;
  • Una sessione di meditazione che comprendeva la ripetizione del test cardiovascolare più la meditazione consapevole – 20 minuti di meditazione introduttiva, 30 minuti di scansione del corpo e 10 minuti di meditazione autoguidata – oltre a ripetere le misurazioni cardiovascolari subito dopo la meditazione e 60 minuti dopo;
  • Un test d’ansia post-meditazione una settimana dopo.

Durante una scansione del corpo, al partecipante viene chiesto di concentrarsi intensamente su una parte del corpo alla volta, iniziando dalle dita dei piedi. Concentrandosi su singole parti del corpo, una persona può allenare la propria mente a ruotare da un’attenzione particolare a una consapevolezza più ampia da un momento all’altro.

“Il punto di una scansione del corpo è che se puoi concentrarti su una singola parte del tuo corpo, solo l’alluce, può rendere molto più facile per te affrontare qualcosa di stressante nella tua vita. parte di esso piuttosto che sottolineare tutto il resto della tua vita “, dice Marti.

Un partecipante allo studio ha commentato che dopo la sessione si è sentito meno stressato come non mai è accaduto in passato.

 

 

Pubblicità