Donne e diabete

Il diabete gestazionale può indicare futuri problemi renali subclinici

Il diabete mellito gestazionale (GDM) può essere un indicatore precoce della successiva disfunzione renale subclinica, secondo uno studio pubblicato online il 4 maggio su Diabetes Care.

Shristi Rawal, Ph.D., del National Institutes of Health di Bethesda, Maryland, e colleghi hanno utilizzato i dati dello studio Diabetes & Women’s Health (2012-2016) per esaminare le associazioni indipendenti e congiunte di GDM e del diabete con analisi della funzione renale a lungo termine tra 607 donne e 619 donne senza GDM che partecipano alla Danish National Birth Cohort (1996-2002).

I ricercatori hanno scoperto che, rispetto alle donne senza GDM o diabete successivo, le femmine con una storia di GDM avevano un tasso di filtrazione glomerulare significativamente più alto, anche se non avevano successivamente sviluppato il diabete. Le donne con una storia di GDM e che successivamente hanno sviluppato il diabete (183 donne) avevano anche un rapporto urinario-creatinina urinaria significativamente più alto (UACR) e un aumentato rischio di UACR elevato (rischio relativo aggiustato, 2.3) rispetto alle donne con nessuno dei due. Durante la regolazione per l’indice di massa corporea preprimaria e l’ipertensione, tra altri potenziali fattori confondenti, GDM senza successivo diabete non era correlato all’UCC.

“Questi risultati suggeriscono che le donne con gravidanze complicate da GDM possono rappresentare un gruppo ad alto rischio che potrebbe beneficiare di un monitoraggio regolare per il danno renale in fase iniziale, la cui individuazione tempestiva può aiutare i medici a iniziare il trattamento per prevenire o ritardare l’ulteriore progressione della malattia”, autori scrivono.