Sport e movimento

Mini-dose di glucagone come nuovo approccio per prevenire l’ipoglicemia indotta dall’esercizio nel diabete di tipo 1

I soggetti con diabete di tipo 1 che fanno esercizio aerobico spesso sperimentano un calo della concentrazione di glucosio nel sangue che può causare ipoglicemia. Gli attuali approcci per prevenire l’ipoglicemia indotta dall’esercizio fisico comprendono la riduzione della dose di insulina o l’ingestione di carboidrati, ma queste strategie possono comunque causare ipoglicemia o iperglicemia. Una equipe internazionale di ricercatori endocrinologi, pubblicato sulla rivista Diabetes Care di maggio 2018, ha cercato di determinare se una mini-dose glucagone (MDG) somministrata per via sottocutanea prima dell’attività fisica potesse prevenire il successivo abbassamento del glucosio e confrontare la risposta glicemica agli attuali approcci per mitigare l’ipoglicemia associata all’esercizio fisico.

E’ stato condotto uno studio crossover randomizzato di quattro sessioni con 15 adulti con diabete di tipo 1 trattato con infusione continua di insulina sottocutanea che ha esercitato digiuno al mattino a ~55% VO 2max per 45 minuti in condizioni di nessun intervento (controllo), 50% basale riduzione di insulina, compresse di glucosio orale da 40 g o glucagone sottocutaneo (MDG) da 150 ?g.

Pubblicità e progresso

Durante l’esercizio e il recupero precoce dello stesso, il glucosio plasmatico è aumentato leggermente con l’MDG rispetto a una diminuzione del controllo e della riduzione dell’insulina e un aumento maggiore con le compresse di glucosio ( P <0,001). I livelli di insulina non erano diversi tra le sessioni, mentre il glucagone aumentato con la somministrazione di MDG ( P <0,001). L’ipoglicemia (glicemia plasmatica <70 mg / dl) è stata sperimentata da sei soggetti durante il controllo, cinque soggetti durante la riduzione dell’insulina e nessuno con compresse di glucosio o MDG; cinque soggetti hanno presentato iperglicemia (glicemia plasmatica ? 250 mg / dL) con compresse di glucosio e una con MDG.

L’MDG può essere più efficace della riduzione di insulina per prevenire l’ipoglicemia indotta dall’esercizio e può comportare meno iperglicemia post-intervento rispetto all’ingestione di carboidrati.