Tecno

Progettare per il diabete

“La gestione del diabete di tipo 1 richiede un attento monitoraggio dei livelli di zucchero nel sangue durante il giorno e iniezioni regolari di insulina”, afferma il dott. McCarthy. “Per i giovani questo spesso pone delle sfide, in quanto rischia di interrompere la partecipazione alle attività quotidiane e presentare i problemi di affrontare lo stigma che può circondare la condizione”.

Il dott. McCarthy ha parlato a 16 adolescenti e giovani adulti, costruendo un quadro dettagliato di com’è la vita per i le nuove generazioni che vivono con questa condizione di vita. La sua ricerca ha rilevato che mentre i dispositivi per la gestione del diabete rispondevano ai requisiti medici, non sempre lo facevano rispetto ai bisogni sociali e personali dei singoli individui.

“Nella mia ricerca mi sono concentrato in particolare sugli aspetti psico-sociali del diabete di tipo 1. Se gli adolescenti sono troppo imbarazzati per usare il loro dispositivo in un ambiente pubblico, questo sarà un problema. Progettare un dispositivo medico: non si tratta solo di rispondere a una malattia, ma di farlo rispetto a una malattia per una singola persona.

“Stiamo diventando sempre più complessi in fatto di dispositivi medici emergenti, ma i risultati sulla salute non stanno migliorando molto, quindi stiamo chiedendo quali requisiti per gli adolescenti non vengono soddisfatti, ma che dovremmo incontrarci mentre sviluppiamo nuovi migliori  tecnologie con chi deve o vuole usarle. ”

Alcuni potenziali prototipi di dispositivo sono un misuratore di glucosio nel sangue che può essere utilizzato durante il nuoto, evitando la necessità di uscire dalla piscina per controllare i livelli di glucosio nel sangue e dispositivi medici che sembrano gioielli consentendo agli adolescenti di decidere se rivelare o meno il loro diabete.

“La ricerca ha anche esaminato i criteri di usabilità del Pharmac quando si decide quali dispositivi finanziare, e tali progetti contrastano con i criteri che gli adolescenti considerano importanti. Possiamo quindi identificare eventuali disallineamenti e riportare, evidenziando quali cose le aziende potrebbero considerare nel loro design.”

Dopo la laurea alla Victoria University con un dottorato di ricerca in Design, la scorsa settimana, la dottoressa McCarthy continuerà la sua ricerca come docente presso la School of Design dell’Università. Il laboratorio di ricerca della School in Smart Interactions Design ha finanziato una sovvenzione CoRE MedTech per uno studente Master che consentirà alla ricerca di progredire con un approccio di progettazione industriale, con la possibilità di concepire dispositivi prototipo che possono essere immessi sul mercato.

Pensare a modi intelligenti, pratici e coinvolgenti per progettare strumenti medici è cruciale per il futuro, afferma il dott. McCarthy.

“Viviamo più a lungo, il che è fantastico,” dice, “ma vivremo con problemi di salute e ci sarà un aumento delle persone che devono usare dispositivi medici nelle loro case e nella vita quotidiana, sul lavoro, nel mezzo della notte, ovunque si trovi. Quindi c’è meno tolleranza per questi dispositivi a essere cattivi.

“Il mio obiettivo è progettare dispositivi medici che possano essere integrati nella vita quotidiana in modo che funzionino per noi e ci mantengano sani”.