Sport e movimento

Uno studio ha rilevato che la forma fisica dei ragazzi è diminuita negli ultimi 20 anni

Anche i ragazzi con un peso sano sono meno in forma negli ultimi 20 anni, secondo una nuova ricerca presentata al Congresso europeo sull’obesità (ECO) di quest’anno a Vienna, in Austria (23-26 maggio). Lo studio, che ha testato l’idoneità aerobica di ragazzi di 11 anni normali e obesi di Malaga, in Spagna nel 1996 e di nuovo nel 2016, evidenzia la necessità di uno spostamento d’attenzione verso l’idoneità del bambino e lontano dal proprio peso forma.

Meno efficiente è il cuore, più deve battere ogni minuto per pompare il sangue in corpo. Il recupero della la velocità con cui la frequenza cardiaca ritorna normale dopo l’esercizio, è un indicatore della forma fisica e del rischio di malattie cardiovascolari come malattie cardiache e ictus. Gli individui in condizioni cardiovascolari migliori tendono ad avere frequenze cardiache più basse durante il picco di attività fisica e a ritornare più rapidamente alla frequenza cardiaca a riposo dopo l’attività fisica. Uno studio recente ha dimostrato che i bambini con indice di massa corporea più elevato (BMI) hanno un recupero della frequenza cardiaca più lento, suggerendo un possibile collegamento tra il peso corporeo sano e il recupero più rapido di tale frequenza.

Pubblicità e progresso

Per indagare ulteriormente, José Carlos Fernández García dell’Università di Malaga in Spagna e colleghi hanno reclutato ragazzi di 11 anni provenienti da scuole di Malaga-132 ragazzi di peso sano e 72 ragazzi obesi nel 1996 e 213 ragazzi di peso normale e 139 ragazzi obesi nel 2016 -per confrontare la forma fisica aerobica nel tempo. I ragazzi indossavano un cardiofrequenzimetro durante il bleep test, richiedendo loro di correre  20 metri tra due punti finché suonava il segnale acustico. Gli impulsi al minuto (BMP) sono stati registrati alla fine del test e ogni minuto durante il recupero.

I risultati hanno mostrato che i ragazzi di peso sano nel 2016 erano nettamente meno in forma rispetto ai loro predecessori nel 1996, con una media di corse 5.1 nel 1996 e 4,8 nel 2016. Al contrario, dopo 20 anni non si vedevano differenze significative nel test corsa nei ragazzi obesi (4.2 vs 4.1).

È importante sottolineare che sia i maschi normali che quelli obesi hanno mostrato un’efficacia cardiaca molto inferiore e un recupero della frequenza cardiaca peggiore alla fine del test e per tutta la ripresa nel 2016 rispetto al 1996. Ad esempio, nel 2016 la frequenza cardiaca media normale dei ragazzi alla fine del test è scesa da 181 bpm a 147 bpm dopo 1 minuto a 136 bmp dopo 2 minuti; mentre nel 1996 la frequenza cardiaca media era di 198 bmp alla fine del beep test e cadeva a 155 bmp dopo 1 minuto ea 133 bmp dopo 2 minuti.

I ricercatori concludono chiedendo più iniziative per aumentare i livelli di fitness nei bambini: “I nostri risultati suggeriscono che misurare il BMI da solo potrebbe non essere sufficiente per monitorare la salute futura dei giovani e si deve rafforzare la necessità di promuovere l’attività fisica, in particolare la capacità aerobica, per migliorare la funzione cardiaca e dei polmoni e così ottenere un migliore recupero post-esercizio. ”

Aggiungono: “Sappiamo che la maggior parte dei bambini non partecipa a una quantità sufficiente di attività fisica, rispetto alle attuali raccomandazioni dell’OMS di almeno 60 minuti di attività fisica moderata-vigorosa ogni giorno come il nuoto, il calcio o la danza”.

Gli autori notano alcune limitazioni, tra le quali: lo studio rappresenta un piccolo campione regionale, quindi i risultati potrebbero non essere generalizzabili al resto della Spagna o di altri paesi. Evidenziano anche di aver raccolto solo dati di due anni, il che potrebbe sopra o sottovalutare i livelli di fitness; e non aver tenuto conto di fattori sociodemografici o di stile di vita che potrebbero spiegare le ragioni dei cambiamenti osservati. Tuttavia, sottolineano che: “il campione studiato è molto specifico (ragazzi di 11 anni) ed è stato distribuito tra tutti i livelli socioeconomici di un’area geografica del tutto simile a quella dei paesi occidentali. il campione ci permette di orientarci verso dove si dirigono i comportamenti cardiaco e aerobico di questi bambini “.