Complicanze varie/eventuali

Elevato rischio letale dopo importanti amputazioni legate al diabete

Esiste un alto rischio di mortalità postoperatoria tra i pazienti sottoposti ad amputazione degli arti inferiori, secondo uno studio pubblicato online il 5 aprile su Diabetes Care.

Jason K. Gurney, Ph.D., dell’Università di Otago a Wellington, Nuova Zelanda, e colleghi hanno calcolato la mortalità postoperatoria dopo l’amputazione degli arti inferiori in una coorte prevalente nazionale di 302.339 individui con diagnosi di diabete tra il 2005 e il 2014.

I ricercatori hanno scoperto che 6.352 amputazioni degli arti inferiori si sono verificate nel corso del periodo di studio (2.570 amputazioni maggiori, 3.782 amputazioni minori). Tra coloro che sono stati sottoposti ad amputazione maggiore, oltre l’11% dei pazienti è deceduto entro 30 giorni e il 18% è deceduto entro 90 giorni. I pazienti più anziani e indigeni Maori avevano più probabilità di morire. Tuttavia, il sesso, la privazione, la ruralità, il volume ospedaliero, il tipo di ammissione e la comorbilità del paziente non erano coerentemente o sostanzialmente indipendenti associati al rischio di mortalità postoperatoria.

Pubblicità e progresso

“In una coorte nazionale prevalente di pazienti con diabete, c’era un alto rischio di mortalità postoperatoria e un rischio differenziale di mortalità postoperatoria per sottogruppo demografico”, scrivono gli autori. “Ulteriore lavoro è necessario per indagare i driver della mortalità postoperatoria tra i pazienti con diabete che subiscono l’ amputazione”.