Terapie

L’autogestione del diabete tipo 1 varia con le fasi dello sviluppo dell’adulto

I comportamenti di autodisciplina del diabete tipo 1 variano tra le fasi dello sviluppo degli adulti, secondo uno studio pubblicato online il 25 maggio su Diabetes Care.

Margaret M. McCarthy, Ph.D., della New York University Rory College of Nursing di New York City, e Margaret Gray, Dr.PH, RN, della Yale School of Nursing di Orange, Connecticut, hanno esaminato i modelli comportamentali autogestiti e predittori del controllo glicemico in 7.153 adulti arruolati nel registro clinico di Scambio sul Diabete di Tipo 1. I partecipanti sono stati classificati in quattro fasi dello sviluppo degli adulti: emergenti (età compresa tra 18 e <25 anni), giovani (età compresa tra 25 e <45 anni), di mezza età (età compresa tra 45 e <65 anni) e anziani (età ?65 anni) .

I ricercatori hanno scoperto che gli adulti emergenti e gli adulti più anziani avevano i livelli medi più alti e più bassi di emoglobina A1c, rispettivamente (8,4 ± 1,7 percento e 7,3 ± 0,97 percento, rispettivamente). La probabilità di usare una pompa per insulina o un monitor glicemico continuo era inferiore per gli adulti emergenti (rispettivamente del 5 e del 7%) e gli adulti emergenti avevano più probabilità di perdere almeno una dose di insulina al giorno e avuto un episodio di chetoacidosi diabetica nell’anno precedente (3 e 7 percento, rispettivamente). In ogni gruppo di età, diversi fattori erano associati all’emoglobina A1c ?7 percento; la frequenza dei controlli glicemici e le dosi di insulina mancate erano fattori noti in diversi gruppi.

“Quando si discute dell’autogestione del diabete, gli operatori possono considerare lo stadio di sviluppo del paziente, con le sue richieste in competizione, come lavoro e famiglia, aggiustamenti psicosociali e il potenziale carico di comorbilità”, scrivono gli autori.

Si auspica che tale richiamo sia effettuato nella pratica clinica quotidiana.

Categorie:Terapie

Con tag:,