Compliance

Un maggior valore di HDL-C collegato a una migliore cognizione nei diabetici più anziani

Il colesterolo lipoproteico sierico elevato ad alta densità (HDL-C) è associato a una migliore funzione esecutiva tra i pazienti anziani con diabete mellito (DM), secondo uno studio pubblicato online il 19 maggio nel Journal of Diabetes Investigation.

Yue Sun, dell’Università cinese di Hong Kong, e colleghi hanno condotto un’analisi secondaria di uno studio di intervento sulla vitamina B12 che ha coinvolto 271 anziani non dementi con DM. Gli autori hanno cercato di valutare l’associazione tra caratteristiche cliniche di base e cambiamenti nelle misure cognitive nell’arco di 27 mesi.

I ricercatori hanno scoperto che, al basale, 152 soggetti erano cognitivamente normali e 119 erano cognitivi. Durante il periodo di studio, 41 soggetti hanno avuto un declino cognitivo, 36 dei quali erano cognitivamente normali al basale. Non c’era alcun predittore clinico significativo del declino cognitivo globale. Tuttavia, l’HDL-C più elevato è stato associato a una migliore performance esecutiva al follow-up (P <0,001). Nella modellizzazione multilivello, il più alto terzile di HDL-C si è dimostrato associato a migliori punteggi z della funzione esecutiva rispetto al terzile più basso di HDL-C, in tutti i momenti.

“In sintesi, con questo studio non è stato trovato alcun fattore clinico significativo per il declino cognitivo nelle persone anziane con DM”, scrivono gli autori. “Livelli più alti di HDL-C sierici sono associati a migliori prestazioni nelle funzioni esecutive.La delucidazione dei meccanismi sottostanti di questa associazione può portare a efficaci strategie di prevenzione nel declino cognitivo nelle persone anziane con DM”.

Categorie:Compliance

Con tag:,,