Complicanze varie/eventuali

Decenni di diabete di tipo 1 legati a lieve calo cognitivo

Le persone che vivono con il diabete di tipo 1 da molti decenni mostrano segni di lievi diminuzioni delle capacità cognitive, principalmente nella memoria, rispetto a quelli che non hanno la malattia, hanno dimostrato i ricercatori del Joslin Diabetes Center.

Lo studio ha confrontato i diabetici veterani del Joslin di 50 anni di vita con tale patologia, con altre persone di età simile aventi diabete di tipo 2 o senza malattia, dice Gail Musen, Ph.D., assistente ricercatore del Joslin’s Research Division. Il lavoro è il primo a valutare se la funzione cognitiva stia cambiando in un gruppo di persone che hanno gestito con successo il loro diabete di tipo 1, una malattia molto complessa associata a molteplici complicazioni, da 50 a più di 80 anni.

Le leggere declinazioni cognitive non appaiono nei segni clinici per questi soggetti, che rimangono nella normale gamma di funzioni per le persone della loro età, sottolinea Musen, che è autore principale del documento pubblicato su Diabetes Care oggi.

Gli investigatori di Joslin hanno anche esaminato come varie misure di salute cognitiva tra questi “veterani” potrebbero corrispondere alle comuni complicazioni del diabete. La cosa più sorprendente è che “i cambiamenti di memoria sono associati a malattie cardiovascolari”, afferma Hillary Keenan, Ph.D.

Gli scienziati hanno testato e confrontato la cognizione in 82 veterani diabetici tipo 1, 31 individui di pari età con diabete di tipo 2 e 30 controlli non diabetici di pari età. La loro indagine comprendeva test standard per la memoria, la velocità psicomotoria e la funzione esecutiva (processi cognitivi più elevati coinvolti nel processo decisionale).

I test di memoria richiedevano ai partecipanti di richiamare un elenco di parole immediatamente dopo la presentazione e dopo un ritardo di 30 minuti. Le prestazioni erano significativamente ma non drasticamente inferiori nelle persone con entrambe le forme di diabete rispetto alle quelle che non avevano la malattia. Mentre questo è stato conosciuto per le persone con diabete di tipo 2, i cambiamenti nella memoria nelle persone anziane con diabete di tipo 1 non erano state stabilite chiaramente.

Nel test psicomotorio, i ricercatori hanno osservato quanto velocemente e bene i soggetti hanno inserito piccoli pioli a forma di chiave in slot sagomati similmente che sono stati ruotati per richiedere una buona destrezza motoria. I veterani in media sono state leggermente peggiori di quelli senza diabete. Questa diminuzione della prestazione è stata associata a retinopatia diabetica proliferativa, una forma avanzata di malattia dell’occhio. (Tuttavia, non rifletteva una visione peggiore, dal momento che i veterani indossavano le lenti correttive.)

Il test della funzione esecutiva ha valutato quanto rapidamente e con precisione i partecipanti mettessero lettere e numeri criptati in un dato ordine. Qui il team Joslin ha anche visto una tendenza di risultati leggermente peggiori tra i veterani rispetto ai coetanei senza diabete.

“Nel complesso, nessuno tra i vecchi diabetici di tipo 1 deve preoccuparsi: questo è un gruppo molto sano che mostra minimi segni di declino cognitivo”, sottolinea Musen. “Tuttavia, questi piccoli deficit possono essere evitabili con comportamenti di auto-cura che aiutano a minimizzare le complicanze del diabete”.

La precedente ricerca sui veterani ha costantemente rilevato che l’esercizio fisico moderato è legato a una riduzione delle malattie cardiovascolari. Le ultime scoperte forniscono ancora un altro incentivo per le persone con diabete di tipo 1 a perseguire l’esercizio fisico, oltre a seguire le linee guida generali per l’assistenza sanitaria e la gestione del diabete, dice Keenan.

Con l’incidenza del diabete di tipo 1 in aumento, il Joslin continua a esaminare gli effetti a lungo termine della malattia sulla cognizione e altre complicazioni, afferma George King, MD, Chief Scientist Officer e Director of Research Division di Joslin. “Vogliamo approfondire ulteriormente questa popolazione, per comprendere meglio questi processi e trovare terapie in grado di proteggerla contro di loro”, dice. “Dato che sia l’occhio che le malattie cardiovascolari nei pazienti diabetici sono curabili, siamo molto fiduciosi che il declino cognitivo nel diabete di tipo 1 sia anche prevenibile”.