Diritti e rovesci

Il declino americano: studio mostra l’impatto della crisi finanziaria del 2008 sull’assistenza sanitaria varia tra i paesi

Un team di ricercatori di diverse istituzioni in Europa ha condotto un’analisi dei livelli di qualità dell’assistenza sanitaria in tutta Europa durante la crisi finanziaria del 2008. Nel loro articolo pubblicato negli Atti della National Academy of Sciences, descrivono le differenze che hanno riscontrato nel livello di assistenza lungo corso della crisi.

La crisi finanziaria del 2008 è stata avvertita in molte parti del mondo, ma non tutti i paesi ha avuto lo stesso impatto sull’assistenza sanitaria. In alcuni stati, quelli meno abbienti hanno visto un calo della disponibilità dei servizi sanitari, mentre quelli di altri paesi no. In questo nuovo sforzo, i ricercatori hanno esaminato i tassi di mortalità e morbilità (essere malati no) per le persone che vivevano in 17 paesi nel corso degli anni dal 1980 al 2014 e dal 2002 al 2014, rispettivamente. I loro dati includevano anche le risposte al sondaggio di 350.000 persone riguardo ai loro livelli di salute e qualità dell’assistenza sanitaria ricevuta.

I ricercatori riferiscono di aver riscontrato differenze significative nei numeri per le persone che vivono in paesi diversi. Alcuni, come il Regno Unito e molti paesi dell’Europa occidentale, in realtà hanno visto un costante miglioramento dei tassi di longevità per le persone in tutte le fasce di reddito, una tendenza che è iniziata prima della crisi e ha continuato dopo. Tali paesi hanno anche visto un numero costante di tassi di morbilità. In altri paesi, le cose non erano così rosee. Hanno scoperto che mentre i tassi di mortalità nell’Europa orientale hanno continuato a ridursi negli ultimi anni, i tassi di morbilità non sono stati gli stessi per coloro che hanno meno istruzione e reddito. Si è anche scoperto che per quei paesi che sentivano il maggior impatto economico, le persone di tutte le fasce di reddito hanno visto riduzioni nella disponibilità di servizi sanitari.

I risultati del team, notano, contrastano nettamente con i numeri trovati da altri ricercatori che studiano l’assistenza sanitaria negli Stati Uniti. Nonostante la sua valutazione come una delle migliori economie del mondo, il paese ha registrato un aumento sia dei tassi di mortalità che di morbilità durante la crisi, ma solo per la fascia di popolazione situata nella parte più bassa dello spettro economico.

I ricercatori concludono i loro risultati osservando che le persone povere le quali vivono in paesi che avevano programmi in atto per fornire assistenza sanitaria sono state effettivamente protette dalla perdita di servizi durante i periodi di congiuntura. Rilevano anche che gli Stati Uniti hanno continuato a sperimentare crescenti tassi di mortalità e morbilità, nonostante la crisi sia stata risolta.