Educazione

La vita è tutta un quiz? Con il diabete tipo 1 sembra proprio di sì

Una misura della conoscenza della nutrizione di facile uso nel tempo e fattibile nel diabete di tipo 1: il quiz sul conteggio di nutrizione e carboidrati elettronici (eNCQ).

Una maggiore conoscenza della nutrizione e del conteggio dei carboidrati è associato al miglioramento del controllo glicemico e della qualità della vita nei giovani con diabete di tipo 1 (T1D). Tuttavia sinora sono state sviluppate valutazioni limitate della conoscenza nutrizionale e dei carboidrati e le misure esistenti possono richiedere molto tempo, essere eccessivamente ampie o non favorire l’uso clinico di routine. Per colmare questa lacuna, I ricercatori del Center for Healthy Lifestyles and Nutrition, Kansas City, MO, USA hanno sviluppato ed esaminato la fattibilità della somministrazione di un quiz nutrizionale e di conteggio dei carboidrati elettronico (eNCQ).

Novantadue caregiver e 70 giovani con T1D (età media 12,5 anni, tempo medio dalla diagnosi di 5 anni, lingua inglese) hanno completato l’eNCQ composto da 19 domande tramite tablet durante una visita clinica di routine. I tempi e le percentuali di completamento degli articoli sono stati utilizzati per valutare la fattibilità. Sono state esaminate le relazioni tra i punteggi eNCQ e dati demografici dei pazienti, gestione del diabete e risultati in termini di salute.

I partecipanti hanno impiegato mediamente 10 minuti per completare l’eNCQ. I punteggi di sottoscala totali e di carboidrati (rapporto giovanile) erano negativamente correlati con l’emoglobina giovanile A1c (totale r = -.38, carboidrati r = -.38, Ps <.05), indicando che una maggiore conoscenza nutrizionale è collegata al miglior controllo glicemico. I punteggi di conoscenza nutrizionale erano generalmente alti, ma la conoscenza era negativamente connessa al tempo trascorso dalla diagnosi del diabete (r = -.276, P <.05).

I risultati supportano la fattibilità di eNCQ per valutare le conoscenze nutrizionali nell’assistenza clinica di routine. Dopo ulteriori test di accettabilità e validità, l’eNCQ può identificare le famiglie che necessitano di ulteriore educazione nutrizionale. La valutazione nutrizionale è particolarmente indicata per i giovani oltre un anno dalla diagnosi T1D, poiché queste famiglie hanno mostrato una minore conoscenza nutrizionale e potrebbero aver bisogno di una formazione continua per mantenere nel tempo le conoscenze nutrizionali specifiche per il diabete.

Lo studio  è pubblicato sul Journal of Diabetes Science and Technology.