Donne e diabete

Ragazze strong

Il sesso come determinante del diabete di tipo 1 alla diagnosi.

Questo studio frutto dei ricercatori dell’Ospedale pediatrico, Università di Helsinki in Finlandia, ha testato l’ipotesi che le ragazze abbiano un processo patologico più aggressivo rispetto ai ragazzi alla diagnosi di diabete di tipo 1 (T1D).

Pubblicità e progresso

Le caratteristiche demografiche e cliniche, il profilo degli autoanticorpi umorali e il rischio genetico valutato dalla presenza di aplotipi HLA DR-DQ sono stati analizzati per sesso in 4993 bambini e adolescenti con diagnosi di T1D tra gennaio 2003 e dicembre 2016.

Una netta prevalenza maschile (56,6%) è stata osservata nella nostra coorte e i ragazzi erano significativamente più anziani delle ragazze al momento della diagnosi clinica (media 8,3 vs 7,7 anni, P <0,001). Le analisi aggiustate per età hanno mostrato un peggior scompenso metabolico nelle ragazze rispetto ai ragazzi alla diagnosi. I ragazzi testati più spesso positivi per autoanticorpi contro l’insulina (IAA) (P = .008), antigene isolotto-2 (IA-2A) (P = .033) e trasportatore di zinco 8 (ZnT8A) (P = .027) mentre le ragazze avevano una maggiore frequenza di autoanticorpi di acido glutammico decarbossilasi (GADA) (P <0,001) e più elevati di GADA (P <0,001) e titoli di anticorpi anti-cellula dell’isoletta (P = 0,001). Non state riscontrate differenze significative nel profilo di rischio genetico tra ragazze e ragazzi.

I dati mostrano che il disturbo metabolico è più grave nelle ragazze già alla diagnosi di T1D e questo risultato è indipendente dall’età. L’aggressività immunologica della malattia è più variabile in quanto la predominanza di diversi autoanticorpi varia tra i sessi con una maggiore frequenza di GADA nelle ragazze, mentre gli altri tre autoanticorpi biochimici erano più comuni nei ragazzi.

La ricerca è pubblicata sulla rivista scientifica Pedatric Diabetes.