Compliance

Gli interventi tramite sms, emoji e meme coinvolgono gli adolescenti con diabete di tipo 1

ORLANDO, Flo – Interventi personalizzati con messaggi di testo che incorporano l’uso di emoji e meme sono più propensi a coinvolgere gli adolescenti con diabete di tipo 1 rispetto ai messaggi automatici, in particolare per coloro che lottano con autogestione scarsa del diabete.

Pochi pazienti pediatrici soddisfano le raccomandazioni per il controllo glicemico e gli adolescenti e gli adulti freschi d’esordio sono ad alto rischio di elevati livelli di HbA1c e ripetuti episodi di chetoacidosi diabetica, David V. Wagner, PhD, assistente professore di pediatria alla Scuola di Medicina dell’Oregon Health and Science University, ha detto all’American Diabetes Association Scientific Sessions. La maggior parte degli interventi comportamentali disponibili per questa popolazione, ha detto, hanno diversi limiti: tendono ad essere basati sull’ambulatorio e sono relativamente poco frequenti, specialmente in un’epoca di comunicazione quasi costante. Gli interventi che incorporano messaggi di testo sono un modo comprovato per coinvolgere gli adolescenti nella gestione del diabete e persino migliorare i risultati, anche se gli sms hanno le loro sfide da affrontare, ha affermato.

“Non puoi agitare una bacchetta magica per coinvolgere gli adolescenti con il diabete di tipo 1”, ha detto Wagner durante la sua presentazione. “Non ci sono scorciatoie. Questa non è una cosa facile da fare, e richiederà uno sforzo. “

Gli interventi tipici, ha detto Wagner, mancano dell’immediatezza che fornisce la messaggistica di testo. Anche gli SMS tendono a essere fattibili per i fornitori, e molti adolescenti li segnalano preferendo messaggi di testo rispetto ad altri interventi, ha detto.

“Se vogliamo veramente cambiare il comportamento, vogliamo rispondere frequentemente ad esso e rispondere rapidamente”, ha detto Wagner. “Se ci pensi, il testo ci consente di rafforzare frequentemente e immediatamente l’aderenza al diabete”.

Rendendolo personale

Le prove sull’efficienza degli interventi via sms, tuttavia, sono miste. Wagner ha citato una recente recensione che ha suggerito come gli adolescenti che già lottano con una bassa qualità nell’autogestione e alti livelli di HbA1c tendono a beneficiare meno degli interventi basati sul testo. Inoltre, i giovani che già stanno lottando sono anche meno propensi a condividere le informazioni che potresti usare in un intervento basato sul testo, ha detto.

Ma messaggi di testo personalizzati, in combinazione con iniziative di persona, possono migliorare i risultati negli adolescenti con diabete di tipo 1.

Nell’ambito dei nuovi Interventi nel programma NICH (Children’s Healthcare) dell’Oregon Health and Science University, messaggi di testo personalizzati – mai automatizzati o scritti in anticipo – sono usati per aumentare i contatti con pazienti e famiglie e rafforzare la gestione del diabete e costruire rapporti, Wagner è anche supervisore clinico NICH. I testi includono spesso emoji o meme, e gli operatori sono incoraggiati a porre domande relative ai ragazzi non legate alla loro vita.

In un’analisi dell’iniziativa NICH pubblicata nel numero di maggio 2017 del Journal of Diabetes Science & Technology, Wagner e colleghi hanno scoperto che meno della metà dei messaggi di testo inviati ai pazienti e ai loro operatori sanitari nel programma erano identificati come correlati al diabete e oltre il 95% dei testi relativi al diabete sono stati identificati come legati all’aderenza. I partecipanti al programma NICH hanno anche dimostrato una diminuzione dei valori di HbA1c e delle visite ospedaliere dovute a chetoacidosi diabetica mentre erano coinvolti nel programma.

Wagner ha anche affermato che, attraverso l’esperienza, i provider hanno imparato rapidamente che includere emoji e meme nei testi, oltre a porre domande relative ai non diabetici, ha aumentato il tasso di risposta degli adolescenti.

“Più testi di rinforzo per paziente sono stati osservati in combinazione con maggiori decrementi di HbA1c”, ha affermato Wagner. “L’uso di emoji e meme è stato associato con il texting più frequentemente.”

Wagner ha osservato che non è possibile dedurre la causalità dai risultati, aggiungendo come è possibile che i partecipanti i quali stanno già facendo bene siano quelli con maggiori probabilità di mandare un messaggio a un fornitore. Ma i risultati suggeriscono che il livello e il tipo di impegno sono importanti, ha affermato.

“Come parte del nostro modello, dovremmo essere in contatto frequente con i pazienti”, ha detto Wagner. “Dovremmo trattare le persone con il tipo 1 come persone prima, e come individui con diabete di tipo 1 in secondo luogo.”

Affrontare le sfide

Gli che intervengono in un messaggio di testo con adolescenti dovrebbero decidere quale sarà la loro filosofia, ha detto Wagner. È il tuo lavoro impegnare gli adolescenti, o è il loro lavoro venire da te?

I provider devono inoltre affrontare una serie di altri problemi correlati a tale intervento, tra cui il burnout dei provider durante l’invio di messaggi al di fuori dell’orario lavorativo tradizionale, problemi di riservatezza e privacy, una possibile perdita di coerenza o controllo che deriva dall’invio di messaggi personalizzati e non intenzionali conseguenze. Wagner ha parlato di un adolescente che ha accidentalmente inviato un messaggio sexy a un fornitore.

Wagner ha affermato che è importante dare un’occhiata ai programmi di intervento testuale per gli adolescenti e valutare come stanno funzionando. Sono disponibili molti programmi che utilizzano una forma di consegna automatica o predeterminata di messaggi di testo – e molti sono buoni – ma potrebbero non essere i migliori per i pazienti più vulnerabili con diabete di tipo 1, ha affermato.

“Abbiamo bisogno di pensare a modi per aumentare l’accesso dei nostri pazienti a noi e interagire con loro più frequentemente, e pensare a tutti i diversi sistemi in cui sono incorporati e trattarli come persone prima e individui con diabete in secondo luogo”, ha detto Wagner.

Per alcuni fornitori che si impegnano in un intervento di messaggi di testo, ciò potrebbe anche significare dare uno sguardo critico al tipo di messaggi inviati agli adolescenti e alle domande che i provider stanno chiedendo loro.

“Il messaggio più grande è quello di rafforzare il fatto che stanno facendo bene il più possibile, e che riflettono effettivamente il modo in cui vedono il mondo”, ha detto Wagner. 

Riferimento:

Wagner DV, et al. Texting teens to improve management and reduce diabetic ketoacidosis. Presented at: American Diabetes Association 78th Scientific Sessions; June 22-26, 2017; Orlando, Fla.

Categorie:Compliance, Tecno

Con tag:,