Tecno

Per gli adolescenti con diabete di tipo 1 le app offrono connettività, ma con limiti

Le app per smartphone e tablet offrono un modo personalizzato per gli adolescenti con diabete di tipo 1 nel gestire la loro malattia, ma è importante considerare diverse limitazioni nello sviluppo della tecnologia, secondo un presentazione illustrata ieri al 78o Congresso Scientifico dell’American Diabetes Association – ADA in corso a Orlando – Florida.

“Nonostante l’enorme numero di app disponibili e scaricate, le persone che effettivamente le usano è piuttosto piccolo – circa 30 al mese e 10 alla settimana”, Sarah S. Jaser, PhD, professore associato di pediatria alla Vanderbilt University School of Medicine a Nashville, nel Tennessee, ha detto ai congressisti. “Le persone possono anche essere sorprese di apprendere quanto sia basso l’utilizzo delle app relative alla salute progettate per gli adolescenti, anche quando includono tutte le funzionalità che questi, genitori e fornitori dicono di volere in un’app”.

Pubblicità e progresso

Un’indagine del 2018 sugli adolescenti, social media e tecnologia condotta dal Pew Research Center mostra che il 95%  nel suo insieme ha accesso a un cellulare – un aumento rispetto al 73% degli adolescenti nel sondaggio del 2015. Inoltre, per il 2018 sono previsti oltre 197 miliardi di download complessivi di app, ha detto Jaser.

Tuttavia, delle oltre 318.000 app relative alla salute disponibili per il download, viene scaricata solo una piccola parte, con circa 40.000 app che rappresentano circa il 90% dei download, secondo Jaser. Riferendosi alla “regola del 30/10”, Jaser ha detto che la maggior parte delle persone usa circa 30 app in un mese e 10 app in un giorno.

“Quindi, quando stiamo pensando di provare a portare le nostre app per il diabete sui telefoni delle persone, è difficile entrare in quel ristretto spazio”, ha detto Jaser, parlando durante un mini-simposio alla 78a Annual Scientific Sessions dell’Associazione Americana di diabetici.

Tra gli adolescenti, l’app più popolare è YouTube, seguita da Instagram, Snapchat, Facebook e Twitter, secondo il sondaggio Pew, e gli sviluppatori devono trovare un modo per coinvolgere gli adolescenti con le app di gestione del diabete in modo simile, ha detto Jaser.

“Quando pensiamo alla sovrapposizione tra app legate alla salute e queste popolari app per adolescenti, non c’è molto”, ha detto Jaser. “La sfida per noi, in quanto ricercatori, di cercare di far coincidere le nostre app relative alla salute”.

I primi avvertimenti dai dati

Una recente revisione meta-analitica ha rilevato che gli interventi nelle app per adulti con diabete hanno portato a un miglioramento dell’HbA1c di circa lo 0,4%, ha detto Jaser; tuttavia, molte delle analisi incluse erano studi pilota con brevi periodi di follow-up e un piccolo numero di partecipanti.

Jaser ha citato l’app Bant, un software per la gestione del diabete rivolta agli adolescenti sviluppati all’Ospedale pediatrico di Toronto. Chiamato col nome di Frederick Banting, lo scienziato che ha scoperto l’insulina, l’app gamified include analisi delle tendenze della glicemia e supporto decisionale, oltre a una community di social media privata – “Banter” – e include incentivi per acquistare musica su iTunes. In uno studio pilota con 20 adolescenti per 12 settimane, l’app è stata associata ad una maggiore frequenza di monitoraggio della glicemia e ad un alto tasso di soddisfazione, ha detto Jaser.

Tuttavia, in uno studio randomizzato controllato con 92 adolescenti per 12 mesi in cui l’intervento è stato confrontato con la terapia abituale, i ricercatori non hanno osservato differenze tra gruppi risultato finale primario di cambiamento in HbA1c, così come nessuna differenza tra i gruppi negli esiti secondari della frequenza di monitoraggio della glicemia, qualità della vita, cura di sé o eventi ipoglicemici.

“Cosa ne facciamo di questo, quando lo studio pilota sembra così promettente e lo studio randomizzato non ha i risultati attesi?”, Ha detto Jaser. “Gli autori dello studio suggeriscono che potrebbe essere correlato al basso livello di utilizzo del programma per device mobile.”

Nello studio, il 37% dei partecipanti ha avuto un utilizzo “molto basso” di una volta ogni 14 giorni, il 28% ha avuto un utilizzo “basso” di meno di una volta a settimana, mentre solo il 9% lo ha utilizzato più di 3 giorni a settimana. .

“Ciò significa che oltre la metà dei partecipanti lo ha usato meno di una volta alla settimana”, ha detto Jaser. “La nostra sfida è capire come convincere i giovani a utilizzare le app che stiamo sviluppando, anche quando hanno tutte le funzionalità che dicono di volere.”

Altre due app offrono anche possibili approcci positivi al coinvolgimento, Jaser ha detto: Type 1 Doing Wele, che spinge i genitori ad elogiare i ragazzi e rafforzare i comportamenti positivi con il diabete, e MyT1DHero, che condividono i valori di glucosio nel sangue tra adolescenti e genitori e consente agli utenti di guadagnare punti.

Considerazioni importanti

Le app sono più preziose per le persone che cercano informazioni o risorse, ha detto Jaser, ma gli adolescenti con diabete spesso cercano di evitare di pensare alla loro malattia. Inoltre, molti adolescenti, in particolare quelli nelle aree rurali o da famiglie a basso reddito, hanno accesso limitato al Wi-Fi o accesso Wi-Fi limitato mentre sono a scuola. Anche gli adolescenti condividono spesso piani dati con altri membri della famiglia, il che significa che un’app per diabetici potrebbe non avere la priorità quando un utente è costretto a scegliere l’app associata al glucometro o sensore+microinfusore, ha detto Jaser.

Altri ostacoli riguardano l’usabilità di tali programmi: come richiedere una password o un’interfaccia complicata, riducono ulteriormente l’assorbimento in questa fascia d’età, ha detto Jaser.

“Potremmo allargare involontariamente una disparità creando app per questa popolazione quando sappiamo che è più probabile che vengano utilizzate da persone con un’istruzione superiore, risorse più elevate e forse sono già le più impegnate nella cura e controllo del diabete”, ha detto Jaser.

Potenziali soluzioni

Per gli adolescenti che potrebbero non essere motivati ??a utilizzare le app per il diabete, l’invio di messaggi di testo potrebbe essere un’alternativa preferita, ha detto Jaser. Tramite il texting, è possibile personalizzare i messaggi per fornire un senso di connessione e gli studi hanno suggerito che i messaggi personalizzati hanno portato a tassi di coinvolgimento più elevati.

Un’altra soluzione potrebbe essere quella di sfruttare app per adolescenti esistenti e “incontrarle dove sono”, usando YouTube, Instagram o, per adolescenti a basso reddito, Facebook, ha detto Jaser.

La Jaser ha riferito che una possibile chiave è dare agli adolescenti le informazioni che stanno cercando: cose come i conteggi di carboidrati, video su come nascondere una pompa per insulina sotto un abito da ballo o un costume da bagno e video sul posizionamento dei sensori sono solo alcune delle cose che gli adolescenti stanno cercando fuori relative al diabete. I test pilota, sebbene critici per stabilire la fattibilità dell’app, non possono stabilirne l’efficacia. “Dobbiamo essere cauti nel raccomandare app per le persone”, ha concluso. 

Riferimento:

JJaser SS. The value of apps, or lack thereof, for teens with diabetes. Presented at: American Diabetes Association 78th Scientific Sessions; June 22-26, 2018; Orlando, Fla.

Categorie:Tecno

Con tag:,