Prodotti

Ascensia Diabetes Challenge: intelligenza artificiale al servizio di noi diabetici

ORLANDO, Florida. – Il vincitore dell’Ascensia Diabetes Challenge, un concorso mondiale alla ricerca di strategie digitali innovative per la gestione del diabete di tipo 2, è Whisk con sede nel Regno Unito, un sorta di Culinary Coach che utilizza l’intelligenza artificiale per fornire un’esperienza alimentare personalizzata ai pazienti diabetici .

La piattaforma Whisk è una piattaforma nutrizionale basata su AI e consente agli utenti di sfogliare le ricette in base a fattori quali preferenze di gusto personale, limiti di tempo, budget, condizioni meteorologiche e restrizioni dietetiche o allergie. Quando un utente aggiunge una ricetta al proprio piano alimentare, può essere automaticamente aggiunta a un carrello online presso alcuni dei principali rivenditori di generi alimentari al mondo, tra cui Walmart, Tesco e Amazon Fresh, consentendo agli utenti di acquistare gli ingredienti della ricett.

Whisk ha in programma di creare un’esperienza alimentare personalizzata per le persone con diabete di tipo 2 che impareranno dalle letture glicemiche e facendo così raccomandazioni alimentari più personalizzate per il loro stesso diabete. Sulla base delle letture dei sistemi di monitoraggio della glicemia di Ascensia, l’IA monitorerà il modo in cui le letture glicemiche di un utente reagiscono a specifici alimenti, con l’obiettivo di costruire un piano alimentare personalizzato per il diabete in grado di mantenere il glucosio nel sangue a norma. Il Coach culinario inizierà fornendo consigli personalizzati sulle ricette e in futuro si svilupperà per suggerire cibi pronti e opzioni di ristorazione.

“Se riusciamo a trovare le persone con la giusta ricetta e ad eliminare l’attrito di quel processo di risposta alla domanda ‘cosa c’è per cena?’ quindi possiamo aiutare il popolo diabetico a godere di quel cambiamento di comportamento e aiutarlo a mangiare cibo migliore “, ha detto Stuart Renshaw, chief commercial officer di Whisk, durante un briefing mediatico nel corso dell’American Diabetes Association Scientific Sessions. “La maggior parte delle persone cerca di trovare una forma di equilibrio all’interno della famiglia e delle proprie esigenze di cucina.”

Il vincitore dell’Ascensia Diabetes Challenge è stato selezionato tra 116 concorrenti provenienti da 25 paesi. Whisk riceverà un premio in denaro per costruire e pilotare la sua piattaforma basata su AI per i pazienti diabetici, in collaborazione con Ascensia Diabetes Care. I partecipanti alla comptezione provenivano da imprenditori e start-up in tutto il mondo.

Oltre alla piattaforma Whisk, i finalisti includevano Glycoleap di Holmusk, un programma che combina il coaching umano con la tecnologia mobile; QStream di Harvard Medical, una piattaforma di formazione online che utilizza la gamification per modificare il comportamento del paziente; My Diabetes Coach di Macadamian, uno strumento che utilizza Alexa di Amazon per il coaching virtuale; Path Feel di Walk with Path, una soletta che fornisce un feedback mentre chi la indossa cammina; e xBird, un software che combina i dati storici sulla glicemia e i movimenti dell’utente per prevedere eventi ipoglicemici e iperglicemici.

QStream di Harvard Medical e xBird sono stati nominati secondi classificati durante la cerimonia di premiazione e riceveranno anche un premio in denaro per continuare il loro lavoro. Ascensia ha anche riconosciuto e annunciato che continuerà a supportare Walk with Path per condurre uno studio proof-of-concept sulla pianta dei piedi in pazienti con neuropatia periferica dovuta al diabete.

“Il cambiamento del comportamento è un fattore importante nell’aiutare i pazienti a gestire il diabete e le soluzioni digitali ci offrono un modo per iniziare a risolvere questo problema molto difficile”, ha detto Jazz Panchoo , responsabile globale del franchising presso Ascensia Diabetes Care. “Penso che, chiaramente, quando guardiamo a soluzioni che hanno un impatto sul comportamento, se il paziente non è il fronte e il centro di tale soluzione, allora si fallirà. …  ciò che stiamo cercando di fare è di esaminare le soluzioni che ci consentano: n. 1, di trovare l’innovazione, ma il n. 2, davvero focalizzate sul paziente.

“Nel complesso, la logica di questo è abbastanza semplice: c’è un’epidemia globale di diabete che continua”, ha detto Panchoo. “Quando si guarda a come i sistemi sanitari stanno cercando di risolverla, le soluzioni digitali sono un modo in cui, crediamo, le esigenze dei pazienti con diabete potrebbero potenzialmente essere soddisfatte in forma più ampia, ma anche meno  onerosa.