Educazione

La maggior parte degli adolescenti ha bisogno di educazione sulla sicurezza alimentare

Un nuovo studio dell’Università di Waterloo, in Canada, evidenzia un basso livello di consapevolezza tra i giovani riguardo alle precauzioni adeguate che devono prendere quando si tratta di manipolare il cibo.

Lo studio ha misurato 32 comportamenti diversi di gestione degli alimenti tra gli studenti delle scuole superiori dell’Ontario, tra i 10 ei 12 anni. Ha rilevato che meno del 50% delle pratiche raccomandate sono state seguite dagli studenti, incluse le procedure igieniche di base e per prevenire la contaminazione incrociata.

“Gli studenti delle scuole superiori rappresentano la nuova generazione di gestori del cibo, ma non sono ben studiati”, ha detto Ken Diplock, che ha guidato la ricerca mentre si trovava a Waterloo. “Stanno solo iniziando a preparare il cibo da soli e per gli altri, e anche iniziando a lavorare nell’industria alimentare.

“È importante arrivare agli studenti prima che sviluppino cattive abitudini.”

I ricercatori hanno osservato gli studenti nelle materie dell’alimentazione e nutrizione trattate in liceo tre volte, una volta prima che gli studenti prendessero parte a un programma di addestramento per la gestione alimentare promosso dalla direzione scolastica dell’Ontario, quindi due settimane e tre mesi dopo. Il programma li ha aiutati a migliorare significativamente le loro capacità, ma molti studenti hanno continuato a impegnarsi in comportamenti a rischio noti per portare a malattie di origine alimentare.

Il miglioramento più significativo dopo il corso di formazione si è verificato sull’uso del termometro, che è l’unico modo per determinare la cottura – quanto è cotto un pezzo di carne. L’uso degli studenti passò dal 5% alla prima osservazione al 36% e al 33% in due settimane e tre mesi rispettivamente.

“Anche se tali programmi hanno importanti benefici, ci sono ovviamente ancora lacune tra le conoscenze e il modo in cui si comportano i gestori di cibo”, ha detto Diplock. “L’educazione alla sicurezza alimentare migliora la conoscenza e il comportamento, ma a meno che i valori non siano rafforzati in altri settori come la vita domestica e la società, i comportamenti non si fermeranno sempre”.

In questo studio, i comportamenti sono rimasti coerenti tra la seconda e la terza osservazione, probabilmente perché gli studenti gestivano il cibo regolarmente in presenza di insegnanti, che hanno rafforzato ciò che avevano appreso, ha detto il coautore e professore di igiene pubblica Shannon Majowicz.

“Diamo molta importanza all’educazione alla sicurezza alimentare in generale come modo per proteggere le persone dai disturbi, ma potrebbe anche fare la differenza se istruiamo gli studenti sulla gestione sicura degli alimenti nelle scuole superiori prima che i giovani adulti vivano e cucinino in proprio e per gli altri “, ha detto Majowicz.

Ogni anno, un totale di 4 milioni di canadesi (uno su otto) sono affetti da una malattia di origine alimentare, secondo il governo canadese.

Lo studio è stato pubblicato questo mese sul Journal of Food Protection con i coautori di Waterloo Joel Dubin, Scott Leatherdale, David Hammond e Shannon Majowicz e Andria Jones-Bitton all’Università di Guelph. Diplock è ora coordinatore del programma Bachelor of Environmental Public Health al Conestoga College.