Diritti e rovesci

Porca miseria!

La guerra, la mancanza di democrazia e l’urbanizzazione contribuiscono a raddoppiare il peso della malnutrizione negli adolescenti nei paesi in via di sviluppo

  • Le influenze includono la guerra, la mancanza di democrazia, l’insicurezza alimentare, l’urbanizzazione e la crescita economica
  • Gli effetti sulla salute comprendono il rallentamento della crescita, l’obesità e la magrezza
  • I ricercatori chiedono venga intraprese un’azione

Un nuovo studio dell’Università di Warwick incolpa i fattori macroeconomici del doppio carico della malnutrizione tra gli adolescenti nei paesi in via di sviluppo.

Il doppio fardello della malnutrizione si riferisce alla coesistenza della denutrizione, al sovrappeso e all’obesità, o alle malattie non trasmissibili legate all’alimentazione come il diabete di tipo 2.

Lo studio – Il doppio fardello della malnutrizione tra gli adolescenti: analisi dei dati del comportamento scolastico e sanitario degli studenti a livello globale nei sondaggi sui bambini in età scolare in 57 paesi a basso reddito e a medio reddito suggerisce che fattori quali la guerra, la mancanza di democrazia, che determinano insicurezza alimentare, urbanizzazione e la crescita economica.

Lo studio è stato pubblicato sull’American Journal of Clinical Nutrition (AJCN) ed è stato guidato dal dott. Rishi Caleyachetty, Assistant Professor alla Warwick Medical School.

Il suo team ha scoperto che il peso della doppia malnutrizione è sorprendentemente comune e che i ricercatori ora chiedono ai governi e alle ONG di identificare problemi specifici in questo contesto e di progettare, attuare politiche e interventi per ridurre di conseguenza la malnutrizione degli adolescenti.

Lo studio si proponeva di quantificare l’entità del doppio carico della malnutrizione tra gli adolescenti e spiegare il carico variabile della denutrizione adolescenziale nei paesi a basso e medio reddito (LMIC).

L’adolescenza è un periodo di crescita e sviluppo, con maggiori esigenze nutrizionali che mettono i giovani a maggior rischio di malnutrizione.

Hanno utilizzato i dati dei Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie / Organizzazione Mondiale della Sanità (WHO) sondaggio sulla salute degli studenti basato sulla scuola e comportamento sanitario dell’OMS nei bambini in età scolare fatto in 57 LMIC tra il 2003-2013, comprendente 129.276 adolescenti tra i 12 anni e 15 anni. Hanno esaminato il carico di arresto della crescita, magrezza, sovrappeso o obesità, e il sovrappeso o obesità concomitante. Hanno poi collegato i dati nutrizionali a banche dati internazionali, tra cui la Banca mondiale, il Centro per la pace sistemica, il Programma per i dati sui conflitti di Uppsala e l’Organizzazione per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO).

Hanno scoperto che attraverso i 57 LMIC il 10,2% degli adolescenti è povero e il 5,5% magro. La prevalenza di sovrappeso o obesità era molto più alta in più di un quinto degli adolescenti (21,4%). La prevalenza di arresto della crescita e sovrappeso o obesità concomitante del 2,0%. Tra il 38,4% e il 58,7% della varianza nella malnutrizione adolescenziale è stato spiegato da fattori contestuali a livello macro.

Il dott. Caleyachetty ha dichiarato: “La maggior parte degli adolescenti vive in paesi a LMIC, ma la comunità sanitaria mondiale ha ampiamente trascurato i bisogni sanitari di questa popolazione: a livello nazionale, fattori contestuali macro come la guerra, mancanza di democrazia, insicurezza alimentare, urbanizzazione e la crescita economica spiega in parte dalla variazione del doppio carico della malnutrizione tra gli adolescenti nei LMIC.

“La comunità sanitaria globale dovrà adattare la propria risposta tradizionale al doppio carico della malnutrizione per fornire interventi ottimali per gli adolescenti”.