Tecno

Il sistema di somministrazione di insulina Diabeloop può migliorare significativamente il controllo glicemico per i diabetici tipo 1

Lo studio multicentrico confronta il dispositivo a circuito chiuso con il sistema standard a circuito aperto in un’impostazione domestica.

ORLANDO, Florida. Una nuova ricerca rileva come le persone con diabete di tipo 1 (T1D) che hanno utilizzato il sistema di somministrazione di insulina a ciclo chiuso Diabeloop DBLG1 in un ambiente domestico sperimentano una percentuale maggiore di tempo nell’intervallo glicemico target e meno eventi ipoglicemici rispetto ai pazienti che utilizzano un sistema a ciclo aperto, costituito dalla pompa e dal sensore normali. I risultati dello studio, “Dodici settimane di utilizzo domestico di sistema ibrido a ciclo chiuso di somministrazione di insulina e terapia con pompa assistita da sensore negli adulti con diabete di tipo 1 – Risultati intermedi del trial multicentrico randomizzato con crossover Diabeloop WP7” sono stati presentati oggi all’American Diabetes Association’s®(ADA) 78th Scientific Sessions® all’Orange County Convention Center Convention Center.

Il sistema Diabeloop DBLG1 è un avanzato sistema di erogazione dell’insulina a ciclo chiuso con un algoritmo complesso e personalizzabile che prevede i futuri livelli di glucosio nel sangue e istruisce la somministrazione di insulina collegando tre dispositivi: un sensore di glucosio, una pompa insulinica patch e un dispositivo terminale simile a smartphone cje ospita l’algoritmo. Il sensore glicemico continuo monitora il livello di glucosio nel sangue dell’utente e invia i dati al terminale, integrando l’algoritmo. Il terminale controlla la pompa di insulina collegata calcolando e ordinando la quantità ottimale di insulina. Per la massima precisione, gli utenti inseriscono le loro informazioni su cibo e attività fisica. 

L’obiettivo di questo nuovo studio, follow-up di uno studio di tre giorni partito nel 2016, è stato quello di valutare se i pazienti che utilizzavano il sistema DBLG1 potessero ottenere un migliore controllo della glicemia rispetto alla terapia con pompa assistita da sensore in un ambiente domestico. Lo studio è stato condotto in 12 centri in Francia e ha arruolato 68 adulti (età media 47.2 anni) con T1D e un livello medio di HbA1c di 7.6. I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a due gruppi, con 33 pazienti che utilizzavano il sistema DBLG1 e 35 pazienti che utilizzavano il loro normale sistema a ciclo aperto (ovvero la pompa e il sensore abituali). Lo studio era incrociato, nel corso del quale in entrambi i gruppi di pazienti sono stati valutati con l’uso del sistema DBLG1 per 12 settimane. Questo studio dettaglia i risultati del primo periodo di tempo di 12 settimane.

I risultati hanno mostrato che la percentuale di tempo trascorso nell’intervallo glicemico target di 70-180 mg / dl era del 69,3 % per i pazienti che utilizzavano il sistema DBLG1 rispetto al 56,6% per i pazienti che utilizzavano un sistema a ciclo aperto. Mentre il livello glicemico medio era inferiore per i pazienti con il sistema DBLG1 rispetto a quello per i pazienti con terapia standard, il livello di glucosio ridotto non ha portato a ulteriori eventi ipoglicemici. La percentuale di tempo trascorso nell’ipoglicemia (<70 mg / dl) era circa la metà di quella con il DBLG1 rispetto al solito sistema a ciclo aperto (2% e 4,5%, rispettivamente).

“Il DBLG1 è un sistema di algoritmi potente e personalizzabile per il trattamento del diabete di tipo 1 che può consentire ai pazienti di ridurre significativamente e durevolmente i loro livelli di glucosio senza un aumento degli eventi ipoglicemici”, ha detto l’autrice dello studio Sylvia Franc , MD, direttore della ricerca e vicepresidente frl CERITD-Centro di studi e ricerche sull’intensificazione del trattamento del diabete-in Francia. “I risultati del nostro studio confermano nella vita reale, in un periodo di 12 settimane, i risultati positivi precedentemente osservati in un setting ospedaliero. Questo sistema ha il potenziale per migliorare sostanzialmente il controllo glicemico e la qualità della vita per i pazienti con diabete di tipo 1 , ridurre le complicanze croniche del diabete a lungo termine e ridurre il peso delle dozzine di calcoli giornalieri e decisioni terapeutiche che devono attualmente prendere da soli.”

Categorie:Tecno

Con tag: