Tecno

Pancreas artificiale sperimentale con pompa patch: sicuro, efficace in condizioni di vita libera

ORLANDO, Florida – Tra gli adulti con diabete di tipo 1 che partecipano a uno studio in vita libera, un sistema di somministrazione d’insulina Omnipod a ciclo chiuso ha prodotto un controllo glicemico complessivo e notturno migliore rispetto alla terapia standard degli utenti.

Il sistema è costituito da una pompa per insulina Omnipod (Insulet) , un tablet, un monitor per il glucosio Dexcom G3 e un monitor per dati personali, secondo Bruce A. Buckingham, MD, professore di pediatria e endocrinologia presso il Stanford Children’s Health Center, Stanford University.

 

“Il sistema che stiamo testando non è il prodotto finale”, ha detto Buckingham durante una conferenza stampa. “La particolarità è che il pod è indossato sul corpo. Non ci sono tubi, e nella versione definitiva sarà un sistema come il Dexcom G6 che parla direttamente al pod e l’algoritmo risiederà nel pod. Il nostro obiettivo nel fare questi studi è stato quello di sviluppare l’algoritmo e migliorarlo in una serie di condizioni diverse “.

Buckingham e colleghi hanno arruolato 11 adulti con diabete di tipo 1 (età media, 29 anni, durata media del diabete, 15 anni, media HbA1c, 7,4%) per utilizzare il sistema a ciclo chiuso per 5 giorni e 4 notti in un hotel senza restrizioni ai pasti o all’esercizio fisico. I ricercatori hanno confrontato questi dati con le informazioni dei precedenti 7 giorni durante i quali i pazienti hanno seguito il loro solito regime terapeutico per il diabete (tre utilizzatori multipli di iniezioni giornaliere, otto utilizzatori di microinfusori di insulina).

Durante la parte a circuito chiuso dello studio, l’esercizio quotidiano medio è stato di 54 minuti (intervallo, 14-127 minuti). La dimensione media del pasto includeva circa 53 g di carboidrati, con un massimo di 194 g.

Il livello medio di glucosio non era significativamente inferiore durante l’uso a ciclo chiuso (150 mg / dL) rispetto all’assistenza standard (156 mg / dL). Tuttavia, il tempo percentuale con livello di glucosio inferiore a 70 mg / dL è diminuito del 3,2% complessivo con un obiettivo inferiore al 4% per il sistema a ciclo chiuso rispetto al trattamento tradizionale (1,9% vs 5,1%; P = 0,001). Anche il tempo percentuale negli intervalli di glucosio superiori è migliorato con il sistema a ciclo chiuso: superiore a 180 mg / dL (24,5% vs 32,3%; P = 0,12) e superiore a 250 mg / dL (4,5% vs 8,5%; P=. 01). Il tempo trascorso nell’intervallo tra 70 mg / dL e 180 mg / dL è aumentato dell’11,2% complessivo con il sistema a circuito chiuso rispetto al trattamento tradizionale, al 73,7% (obiettivo del trattamento, 70%) rispetto al 62,5% ( P = 0,02) .

Durante la notte, il sistema a circuito chiuso si è comportato ancora meglio del solito: il tempo con glucosio inferiore a 70 mg / dL è stato del 5% più basso durante la notte (0,7% vs. 5,7%; P = 0,02) e il tempo nell’intervallo da 70 mg / dL a 180 mg / dL è risultato superiore del 13,2% durante la notte (73,9% vs 60,7%; P = 0,03).

“Il piano … è che stiamo davvero cercando di testare una vasta gamma persone, facendo degli studi sia nei bambini dai 2 ai 4 anni che negli adulti”, ha detto Buckingham. “L’algoritmo viene continuamente migliorato e adattato in ciascuna di queste prove cliniche, pertanto quando arriva il momento di metterlo in un sistema veramente ambulatoriale, questo sarà davvero solido.” 

Riferimento: Buckingham B, et al. 207-OR. Presented at: American Diabetes Association 78th Scientific Sessions; June 22-26, 2018; Orlando, Flo.

Buckingham riferisce di ricevere finanziamenti per la ricerca da Dexcom, Helmsley Foundation, Insulet, Medtronic e Tandem ed è membro del consiglio consultivo di ConvaTec e Novo Nordisk.

Categorie:Tecno, Terapie

Con tag:,