Ricerca

E’ l’ora giusta per prendere la medicina?

bloodtestenaIl test del sangue consente di leggere l’orologio interno.

Con un nuovo esame del sangue, i ricercatori della Charité – Universitätsmedizin di Berlino possono determinare lo stato dell’orologio interno di una persona. Una volta che il ritmo interno del paziente è noto, i farmaci potrebbero essere somministrati in particolari momenti della giornata, rendendoli più efficaci e con minori effetti collaterali rispetto alla terapia standard. Lo studio è stato pubblicato su The Journal of Clinical Investigation.

I ritmi circadiani sono alla base di molte funzioni del corpo umano. Ciò è dimostrato dal fatto che l’efficacia dei farmaci cambia a seconda dell’ora del giorno in cui vengono somministrati. Questo effetto varia da persona a persona in base al fatto che il soggetto sia un’allodola mattutina o un nottambulo.

L’obiettivo del team internazionale, sotto la guida del Prof. Dr. Achim Kramer dell’Istituto di Immunologia Medica presso la Charité, è stato l’identificazione di un biomarker nel sangue che caratterizzano il cosiddetto tempo interno di un individuo. Innanzitutto, l’attività di tutti i 20.000 geni in un particolare tipo di cellule del sangue è stata misurata da più soggetti nel corso della giornata. Con algoritmi computerizzati specializzati, sono stati identificati 12 geni che segnalano in modo affidabile il tempo interno. I biomarcatori in un singolo campione di sangue possono differenziarsi presto dai tipi tardivi, anche se la persona si alzava al mattino usando una sveglia rispetto all’orologio biologico.

Il Prof. Kramer è convinto che la cronoterapia potrebbe essere superiore alla terapia standard; “La terapia che prende in considerazione l’ora del giorno è stata raramente applicata fino ad ora, dal momento che una semplice diagnosi non era disponibile. Pensiamo che questo test oggettivo del tempo interno possa contribuire a dare più significato alla diagnosi e alla terapia.”

Nei futuri studi clinici, gli scienziati intendono dimostrare una maggiore efficacia della cronoterapia personalizzata. Per questo, la terapia sarà adattata al tempo interno del paziente. Quando è nota la finestra temporale con la massima efficacia del farmaco, l’effetto del trattamento può essere ottimizzato e contemporaneamente il rischio di effetti collaterali può essere ridotto al minimo.

Categorie:Ricerca, Terapie

Con tag:,,