Tecno

Sputaci sopra! No aspetta un momento….

Il test della saliva potrebbe migliorare il controllo e il trattamento del diabete. Le proteine ??nella saliva possono identificare il diabete di tipo 1 non controllato nei bambini e negli adolescenti – aiutando sia a prevedere che a prevenire le complicanze associate alla malattia.

La valutazione del diabete si basa attualmente sulla misurazione dei livelli di zucchero nel sangue – ma un semplice campione di saliva potrebbe sostituirlo, dice una nuova ricerca. Lo studio, pubblicato su Frontiers in Physiology e il più completo nel suo genere fino ad oggi, ha scoperto che le proteine ??nella saliva riflettono un elevato livello di zucchero nel sangue e processi patologici associati nei giovani pazienti con diabete di tipo 1, molto prima della comparsa dei sintomi clinici. Ciò potrebbe portare a una migliore previsione e prevenzione delle complicanze a lungo termine della malattia.

Le persone con diabete di tipo 1 non producono insulina. Questo ormone è necessario affinché il corpo usi zucchero per produrre energia, quindi la mancanza di insulina causa l’accumulo di zucchero inutilizzato nel sangue. Questo eccesso di zucchero a sua volta porta a complicanze come danni cardiovascolari, renali, agli occhi e ai nervi.

Senza una cura conosciuta per il diabete di tipo 1, la chiave per prevenire queste complicazioni è un attento controllo dei livelli di zucchero nel sangue. Ciò si ottiene con iniezioni di insulina – bilanciate con fattori di stile di vita come dieta ed esercizio fisico – e richiede esami del sangue periodici per monitorare il controllo dello zucchero.

Ma questo monitoraggio invasivo può essere problematico, in particolare nei bambini e negli adolescenti.

“La raccolta del sangue attraverso il campionamento ripetuto causa disagio e ostacola la compliance dei pazienti”, spiega il co-autore dello studio, il professor Heleni Vastardis della NKU Athens School of Dentistry. “La raccolta della saliva è facile, semplice, indolore e non invasiva è il mezzo diagnostico più attraente quando si esaminano i bambini”.

La nostra saliva contiene migliaia di proteine ??prodotte dalle ghiandole salivari e gengive, con ruoli importanti come la guarigione, la digestione e la lotta contro le malattie. Diverse precedenti ricerche hanno dimostrato che le quantità di ciascuna di queste proteine ??- chiamate collettivamente “proteoma salivare” – differiscono tra le persone sane e quelle con diabete.

Vastardis e colleghi vedono un grande potenziale in questa scoperta. “La saliva è considerata uno specchio della salute e della malattia del corpo e un possibile cambio di gioco nella sanità e nella pratica clinica”, dice.

Il loro nuovo studio è la caratterizzazione più completa del proteoma salivare fino ad oggi. Ha analizzato campioni di saliva da giovani diabetici di tipo 1 con controllo soddisfacente o insufficiente di zucchero nel sangue e da soggetti sani abbinati, utilizzando una tecnica altamente sensibile per identificare e quantificare più di 2.000 diverse proteine.

I ricercatori hanno scoperto che i giovani diabetici di tipo 1 con un buon controllo della glicemia avevano profili proteici della saliva simili ai non diabetici.

Al contrario, i giovani con diabete di tipo 1 scarsamente controllato mostravano un profilo proteico della saliva molto diverso. Le differenze erano nelle proteine ??note per avere un ruolo chiave nell’infiammazione, nella coagulazione e nella funzione dei vasi sanguigni – processi che sono disturbati da glicemia alta e quindi sottostanti le maggiori complicanze a lungo termine del diabete.

Fondamentalmente, nessuno di questi giovani pazienti aveva ancora segni clinici di danni agli occhi, ai reni o ai nervi. “In altre parole, i segni della patologia diabetica sono già in atto molto prima della manifestazione delle complicanze cliniche”, sottolinea Vastardis.

Ciò suggerisce che il proteoma diabetico salivare potrebbe essere utilizzato per prevedere le complicazioni e aiutarle a prevenirle. “La diagnostica salivare consente la valutazione di pazienti diabetici asintomatici e l’identificazione di pazienti ad alto rischio che potrebbero affrontare complicanze diabetiche, una conoscenza la quale può offrire accesso a nuovi punti di intervento”.

Per dimostrare questo principio, il gruppo ha usato i risultati per identificare un potenziale nuovo trattamento preventivo per i pazienti giovani con scarso controllo diabetico. Ricercando in un database di geni, hanno trovato un farmaco candidato in grado di invertire nelle alterazioni del proteoma salivare associate ad alti livelli di zucchero nel sangue.

Questo studio dimostrativo evidenzia il potere dell’analisi delle proteine ??salivari nella ricerca sul diabete e, a breve, nella pratica clinica per il diabete, ritiene Vastardis.

“Immaginiamo che nel prossimo futuro saremo in grado di diagnosticare e monitorare le strategie terapeutiche nel diabete con solo una goccia di saliva, attraverso tecniche ultrasensibili e altamente specifiche come il monitoraggio a più reazioni utilizzato nel nostro studio e dispositivi di monitoraggio della glicemia salivari non invasivi. ”

“Tuttavia, sono necessarie coorti più grandi per utilizzare completamente le informazioni e tenere conto della potenziale varianza.”

###

Qui link all’articolo di ricerca originale nella segnalazione: https: / www. frontiersin. org / articles / 10. 3389 / fphys. 2018. 00444 / completo

Frontiers è una piattaforma Open Science pluripremiata e leader dell’editoria accademica ad accesso aperto. La missione è di rendere rapidamente e liberamente disponibili articoli di ricerca di alta qualità e sottoposti a peer-review per tutti nel mondo, accelerando così l’innovazione scientifica e tecnologica, il progresso della società e la crescita economica. Per ulteriori informazioni, visitare http: // www. frontiersin. org e segui @Frontiersin su Twitter.

Categorie:Tecno

Con tag:,