Tecno

In che modo gli strumenti digitali stanno rivoluzionando la cura dei pazienti

Se cercate un buon motivo e ragione per partecipare all’evento organizzato dal blog Il Mio Diabete con AGD Bologna e DIABO – Diabeteasy #2 il prossimo 23 marzo 2019 a Bologna eccolo qui: Immagina di aver avuto  recentemente un infarto.

I medici hanno chiarito che la situazione è triste. È il caso di: cambiare il tuo stile di vita o morire. Devi smettere di fumare, aumentare la tua attività fisica, seguire una dieta equilibrata (riducendo il sale) e assicurarti di prendere tutti i farmaci prescritti.

Ma prima di lasciare l’ospedale, l’infermiera della cardiologia vuole parlarti. Sul tuo smartphone ci sono alcune app che puoi scaricare per aiutarti a gestire il recupero, compresa la transizione da ospedale a casa e tutte le modifiche comportamentali correlate alla salute necessarie per ridurre il rischio di un altro attacco di cuore .

Pubblicità e progresso

I rapidi progressi nelle tecnologie digitali stanno rivoluzionando l’assistenza sanitaria. I vantaggi sono numerosi, ma il tasso di sviluppo è difficile tenere il passo. E questo sta creando sfide sia per gli operatori sanitari che per i pazienti.

Quali sono le terapie digitali?

La terapia digitale può essere definita come qualsiasi intervento che viene fornito digitalmente e ha un effetto terapeutico su di un paziente. Possono essere usati per trattare le condizioni mediche in modo simile a farmaci o interventi chirurgici.

Gli esempi attuali di terapie digitali includono app per la gestione di farmaci e salute cardiovascolare, app per sostenere la salute mentale e il benessere, o strumenti di realtà aumentata e virtuale per l’educazione dei pazienti.

Le lettere cartacee, le cartelle cliniche, i grafici di prescrizione e gli opuscoli scolastici sono obsoleti. Ora possiamo inviare e-mail, inserire informazioni in banche dati elettroniche e accedere ai grafici dei farmaci per via elettronica.

E l’educazione del paziente non è più una comunicazione statica e unidirezionale. La rivoluzione digitale facilita l’educazione dinamica e personalizzata e un’interazione a doppio senso tra paziente e terapeuta.

Come aiuta la terapia digitale?

L’assistenza sanitaria digitale migliora la qualità generale delle cure, anche nei casi in cui un paziente vive a centinaia di chilometri dal proprio medico.

Prendi il diabete per esempio. Questa condizione colpisce 1,7 milioni di australiani. È un importante fattore di rischio per lo sviluppo di malattie cardiovascolari e ictus. Quindi è importante che le persone con diabete gestiscano le loro condizioni per ridurre il rischio.

Uno studio recente ha valutato un gioco online basato sul team, che è stato fornito da un’app per fornire formazione sull’autogestione del diabete. I partecipanti che hanno ricevuto l’app in questo studio hanno avuto miglioramenti significativi e sostenuti nel loro diabete, come misurato dalla loro HbA1c (livelli di glucosio nel sangue).

Giochi basati su app di questo tipo promettono di migliorare i risultati della malattia cronica su larga scala.

Nuovi dispositivi elettronici vengono utilizzati anche da persone di tutte le età per monitorare l’attività, misurare il sonno e registrare la nutrizione. Queste informazioni forniscono un riscontro immediato e accurato agli individui e ai loro terapisti, consentendo aggiustamenti dove necessario. Le informazioni registrate possono anche essere combinate in serie di dati di grandi dimensioni per rivelare i modelli nel tempo e informarli sui futuri trattamenti.

Le terapie digitali stanno generando una nuova lingua nel settore sanitario. La “salute connessa” riflette i modi sempre più digitali di comunicare tra medici e pazienti. Alcuni esempi includono messaggi di testo , telehealth e video consultazioni con professionisti della salute.

Vi è una crescente evidenza che l’assistenza fornita digitalmente (comprese le app e gli interventi basati su messaggi di testo) può essere benefica per la salute e aiutare a gestire condizioni croniche, come il diabete e le malattie cardiovascolari.

Ma non tutte le app per la salute sono uguali

Mentre la rivoluzione della salute digitale è entusiasmante, i risultati degli studi di ricerca dovrebbero essere attentamente interpretati da pazienti e fornitori.

L’innovazione ha portato a 325.000 app mobili per la salute disponibili nel 2017. Ciò solleva importanti problemi di governance relativi alla sicurezza dei pazienti (compresa la protezione dei dati) quando si utilizzano terapie digitali.

Una recente revisione ha identificato che la maggior parte degli studi ha una durata relativamente breve dell’intervento e riflette solo il follow-up a breve termine con i partecipanti. L’effetto a lungo termine di questi nuovi interventi terapeutici rimane in gran parte sconosciuto.

L’attuale velocità dello sviluppo tecnologico implica che i normali meccanismi di sicurezza affrontino nuove sfide etiche e normative. Chi sta facendo la prescrizione? Chi è responsabile dell’efficacia, della conservazione e dell’accuratezza dei dati? In che modo queste tecnologie vengono integrate nei sistemi di assistenza esistenti?

La salute digitale ha bisogno di un approccio collaborativo

La salute digitale presenta un’interruzione sismica alla cura del paziente, in particolare quando le nuove tecnologie sono economiche e prontamente accessibili ai pazienti che potrebbero non avere l’intuizione necessaria per riconoscere la normalità o la causa di un allarme. La tecnologia può consentire e autorizzare l’autogestione, tuttavia occorre fare molto di più per collegare queste nuove tecnologie all’attuale sistema sanitario.

Ad esempio, prendi la nuova funzionalità Apple Watch delle notifiche della frequenza cardiaca . Ricerche come l’ Apple Heart Study suggeriscono che questa entusiasmante innovazione potrebbe portare a un miglioramento significativo dei tassi di rilevamento dei disturbi del ritmo cardiaco e degli sforzi potenziati di prevenzione dell’ictus .

Ma quando un paziente riceve una notifica di alta frequenza cardiaca, cosa dovrebbero fare? Ignoralo? Vai a un GP? Oppure finire direttamente al pronto soccorso? E qual è il flusso dell’impatto sul sistema sanitario?

Molte di queste domande rimangono senza risposta, suggerendo l’urgente necessità di una ricerca che esamini come la tecnologia viene implementata nei sistemi sanitari esistenti.

Se vogliamo produrre terapie digitali utili per problemi reali, è fondamentale che gli utenti finali siano coinvolti nel processo. I pazienti e gli operatori sanitari dovranno collaborare con gli sviluppatori software per progettare applicazioni che soddisfino le complesse esigenze di assistenza sanitaria dei pazienti.


Desidero ringraziare il dottor Arej Al Marani del Centro Diabetologico Maria Stuarda di Hobart Australia per aver collaborato alla stesura di questo importante articolo e che parteciperà assieme a me all’evento Diabeteasy #2 il 23 marzo 2019 a Bologna per ascoltare la voce dei massimi esperti internazionali in fatto di ricerca per cura del diabete e l’innovazione tecnologica nella terapia. infine uno scoop: qui negli USA stiamo organizzando una “trasferta” per Roberto Klaudeta Alessandra e Martina, così da fargli conoscere i “templi” della ricerca e cura del T1D. Se lo meritano sia per la loro encomiabile attività di approfondimento e informazione, sia perché lo fanno in una realtà difficile e a volte ostile.

Categorie:Tecno

Con tag:,