Ricerca

Rapamicina: primo importante successo nella prevenzione del diabete tipo 1

Prevenzione del diabete di tipo 1 con microparticelle di destrano acetato contenenti rapamicina e peptide pancreatico P31.

Il diabete di tipo 1 (T1D) è una malattia autoimmune comune senza cura. I soggetti con T1D dipendono dalla somministrazione giornaliera di insulina esogena, a causa della perdita di cellule ? funzionali che producono insulina. Sono necessarie immunoterapie che prevengono e / o curano il T1D. Un approccio dell’immunoterapia consiste nel somministrare un autoantigene per tollerare selettivamente le cellule T effettrici diabetogeniche senza immunosoppressione globale.

Ad oggi, tuttavia, le strategie di immunoterapia antigene-specifica sono in gran parte inefficaci nella pratica clinica.

Utilizzando un approccio antigene-specifico, un veicolo di consegna polimerico biodegradabile, microparticelle di destrano acetalate (MP Ace-DEX), viene applicato e lo sviluppo di T1D viene prevenuto attraverso la somministrazione concomitante della rapamicina immunosoppressiva e del peptide diabetogenico P31 (Rapa / P31 / MPs), tramite alterazioni dell’immunità innata e adattativa.

Ex vivo, trasferito in modo usuale CD4+ le cellule T esibiscono una ridotta proliferazione e un aumento del rapporto di FoxP3 + con le cellule T IFN? + . L’analisi in vitro indica che le cellule dendritiche mostrano un fenotipo meno maturo dopo la cocultura con Rapa / P31 / MPs, il che si traduce in una ridotta proliferazione delle cellule T CD4 + e produzione di citochine proinfiammatorie (IFN? e IL-2), ma promuove l’espressione di PD-1.

Insieme questi risultati dimostrano che la terapia antigene specifica basata su Ace-DEX MP tollera efficacemente le cellule T CD4 + diabetogeniche per prevenire il T1D, dimostrando così uno dei primi tentativi riusciti di prevenzione del T1D usando una piattaforma di rilascio di particolato a singola formulazione.

La ricerca è stata condotta presso la Divisione di Farmacotecnica e Farmaceutica Molecolare, Scuola di Farmacia di Eshelman, Università della Carolina del Nord a Chapel Hill e Dipartimento di Microbiologia e Immunologia, Scuola di Medicina, Università della Carolina del Nord a Chapel Hill –  USA dai ricercatori Chen N,  Kroger CJ, Tisch RM, Bachelder EM e Ainslie KM.

Lo studio è pubblicato sulla rivista scientifica Advanced Healthcare Materials del 26 luglio 2018.