Dai media e web

Diabete: le buone e le cattive notizie, e quelle prossime per il futuro

Storie allarmanti circa il diabete epidemia che minaccia milioni di vite – e il NHS (Servizio Sanitario Nazionale) in sé – sono diventati comuni, e con buona ragione. Circa 4,6 milioni di persone nel Regno Unito vivono con il diabete, mentre altri 12,3 milioni hanno un rischio maggiore di svilupparlo. Il NHS spende circa 14 miliardi di sterline all’anno per il trattamento del diabete e delle sue complicanze.

Ma ci sono alcune notizie positive nel buio. Il Congresso mondiale del 2018 sulla prevenzione del diabete e le sue complicazioni , in cui esperti di tutto il mondo si sono riuniti per discutere dei progressi nei programmi della scienza e prevenzione.

Tipo 1: prevenibile?

A volte noto come diabete giovanile a causa dell’età dei pazienti in cui viee normalmente diagnosticati, il tipo 1 è una malattia autoimmune nella quale il sistema immunitario attacca le cellule produttrici di insulina, lasciando i pazienti di fronte a una vita di iniezioni e deterioramento della salute. Una migliore assistenza si è concentrata sui modi in cui l’insulina viene erogata e sulla riduzione dell’impatto delle complicazioni sulla salute nella vita quotidiana. Gli scienziati sono ora più convinti che mai che questo tipo di diabete possa essere prevenuto. Sebbene il diabete di tipo 1 rappresenti solo il 5% di tutti i diabetici, sono ancora decine di migliaia i soggetti malati che affrontano ogni giorno problemi di salute e necessitano di una vita con supporto medico. L’impatto della prevenzione del diabete di tipo 1 sarebbe significativo.

Le due scoperte che stanno alla base di questo nuovo ottimismo riguardano la diagnosi precoce e la terapia di prevenzione. Il rischio genetico del diabete di tipo 1 sta diventando più chiaro e ora abbiamo la capacità di misurare una serie di fattori ematici che appaiono durante le prime fasi della malattia. Il che significa stiamo sviluppando strumenti per identificare quelli con maggiori probabilità di sviluppare il diabete.

Da lì, ora abbiamo una reale speranza che l’ immunoterapia possa fermare la distruzione delle cellule produttrici di insulina. Questo copre una serie di trattamenti – compresa la vaccinazione – progettati per cambiare il modo in cui funziona il sistema immunitario di una persona. L’importante è trovare una terapia che blocchi specificamente la parte del sistema immunitario che attacca le cellule produttrici di insulina, lasciando intatto il resto del sistema di difesa. I timori che l’immunoterapia sia troppo tossica e non specifica per i bambini sono messi in discussione dalle prove negli studi clinici. Questi hanno dimostrato che la terapia può essere sicura e, in modo incoraggiante, ha mostrato segni di rallentamento del progresso della malattia.

Tipo 2: devastante

Questa è la forma più comune della malattia, direttamente correlata all’obesità e ad altri fattori legati allo stile di vita. Il diabete di tipo 2 è devastante; entro cinque o dieci anni i pazienti potrebbero perdere i loro reni, occhi o gambe. Possono soffrire di malattie cardiovascolari e altre patologie mortali legate al diabete.

Dal momento che circa quattro persone su cinque con diabete sono in sovrappeso, il modo più efficace per prevenire la malattia è quello di evitare l’aumento di peso. Per 20 anni, Finlandia, Stati Uniti e Australia hanno condotto programmi di prevenzione del diabete per incoraggiare i cambiamenti dello stile di vita , e stanno vedendo risultati positivi nella salute delle loro nazioni.

Molti paesi con livelli alti di tipo 2 hanno seguito l’esempio. Ciò implica “incoraggiare” le persone ad accettare di modificare le abitudini di una vita, e quindi fornire anni di supporto per mantenere l’attività fisica e migliorare la loro dieta.

Tuttavia, questo da solo può raggiungere solo circa la metà di tutti i tipi di diabete di tipo 2, quindi questi paesi stanno prendendo di mira sempre più l’ ambiente obesogenico che rende facile ingrassare e difficile perdere peso. Questo comporta iniziare a parlare con l’industria alimentare, ma deve anche includere una legislazione volta a ridurre l’impatto degli aspetti più dannosi della nostra dieta. Una tassa sullo zucchero è già stata introdotta in molti paesi e impareremo molto presto quanto sia efficace nella riduzione del diabete e dei suoi problemi di salute.

Il governo scozzese ha subito l’attacco furioso dai tabloid e da pressioni corporative sul prezzo unitario minimo per l’alcol e sui piani recenti relativi alle pizze 2 per 1 e ai buffet “tutto ciò che si può mangiare”. Queste misure non sono mai popolari ma sempre più necessarie. Tasse e sussidi possono aiutare a ripristinare l’equilibrio tra il costo di alimenti sani e malsani. Rendere più costosi gli alimenti ricchi di grassi e zuccheri elevati potrebbe contribuire ad aumentare la domanda di alternative salutari e, di conseguenza, a farne calare il prezzo.

Prevenire le complicazioni

Le persone non muoiono perché sviluppano il diabete. Possono vivere per decenni con la condizione, ma la qualità della vita è un’altra questione. I programmi di prevenzione del diabete di tipo 2 dovrebbero includere anche le persone che hanno già la malattia.

I cambiamenti dello stile di vita possono rallentare la progressione e ridurre gravi problemi di salute e, in alcuni casi, persino invertire la malattia. Per molti, seguire rigorosamente una dieta a basso contenuto calorico immediatamente dopo una diagnosi può mettere il tipo 2 in remissione . Ma il suo successo dipende dall’impegno individuale, quindi c’è bisogno di supporto per aiutare ogni persona a raggiungere questo obiettivo difficile, e quindi mantenere lo stile di vita per prevenire il ritorno della malattia .

La possibilità di sviluppare l’immunoterapia per prevenire il tipo 1 e dimostrare che il tipo 2 può essere inviato alla remissione sono e saranno i due sviluppi più interessanti nella ricerca sul diabete per molti anni.

Se fosse possibile prevenire almeno la metà dei casi di tipo 2 – che riteniamo possano essere fatti cambiando stile di vita e fattori ambientali – allora la quantità della spesa per trattare il diabete e le sue complicanze potrebbe essere dimezzata. Sono miliardi liberati per il servizio sanitario nazionale. Soprattutto, migliorerebbe la qualità della vita e l’aspettativa di vita dei pazienti.

Il legame tra cibo poco costoso, zuccherino e grasso e obesità e diabete di tipo 2 è indiscutibile. Il rapporto costi / costi salutari / insalubri deve cambiare, perché l’evidenza è che l’istruzione, sebbene preziosa, non è sufficiente da sola. Le prove di molti paesi mostrano che nella maggior parte delle malattie croniche legate allo stile di vita, la legislazione è più veloce e spesso più efficace.

Gli scenari apocalittici spesso dipinti non sono inevitabili, ma sono probabili se continuiamo così come siamo. Le persone devono accettare alcune dure verità sul loro stile di vita, e occorre una guida politica coraggiosa per prendere decisioni impopolari a beneficio della salute della nazione.

Annunci

Categorie:Dai media e web, Terapie

Con tag:,

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.