Mangiare

Il consumo di pesce può prolungare la vita

Il consumo di pesce e acidi grassi omega-3 a catena lunga è stato associato a minori rischi di morte precoce in uno studio pubblicato sul Journal of Internal Medicine .

Nello studio su 240.729 uomini e 180.580 donne che sono state seguite per 16 anni, 54.230 uomini e 30.882 donne sono morte. L’assunzione di più alti livelli di pesce e di acidi grassi omega-3 a catena lunga è risultata significativamente associata a una mortalità totale inferiore. Confrontando il più alto con il quintile più basso di assunzione di pesce, gli uomini avevano una mortalità totale inferiore del 9%, e per malattia cardiovascolare inferiore del 10%, mortalità per cancro inferiore del 6%, mortalità per malattia respiratoria inferiore del 20% edel fegato inferiore del 37%, mentre le donne avevano 8% di mortalità totale inferiore, mortalità per malattia cardiovascolare inferiore del 10% e mortalità per malattia di Alzheimer inferiore del 38%.

Il consumo di pesce fritto non era correlato alla mortalità negli uomini, mentre era associato ad un aumentato rischio di mortalità per tutte le cause, malattie cardiovascolari e respiratorie nelle donne. L’assunzione di acidi grassi omega-3 a catena lunga era associata a una mortalità per malattia cardiovascolare inferiore del 15% e del 18% negli uomini e nelle donne, rispettivamente, confrontando i quintili più alti e quelli più bassi.

Categorie:Mangiare

Con tag:,