Ricerca

Indizio per prevenire pericolosi episodi di ipoglicemia con diabete

Un nuovo studio della LSU Pennington Biomedical Research Center rivela che un nuovo biomarcatore potrebbe darci nuove risposte necessarie alla creazione di uno strumento diagnostico per l’insuccesso autonomico associato all’ipoglicemia, o HAAF. Attualmente non esiste uno strumento diagnostico oggettivo per questa condizione che, se non trattata, può portare a episodi sempre peggiori e potenzialmente pericolosi per la vita da una glicemia pericolosamente bassa.

Un basso livello di zucchero nel sangue o ipoglicemia è una complicanza maggiore del diabete di tipo 1 e di tipo 2. Le persone con diabete possono avere difficoltà ad auto-somministrare l’esatta dose di insulina al momento giusto per mantenere i livelli di zucchero nel sangue in intervalli sani. Se si verifica un episodio di ipoglicemia, gli individui di solito iniziano a sentire una serie di sintomi come vertigini, mal di testa e nausea che li inducono a cercare cure mediche immediate e potenzialmente salvavita.

Ma quando le persone con diabete hanno troppi episodi ipoglicemici, i loro sensi possono diventare smussati. Potrebbero smettere di sperimentare i sintomi fisici che servono come segnali per richiedere assistenza medica. Possono anche non rendersi conto di avere uno o più episodi ipoglicemici fino a quando non è troppo tardi. Questa condizione è più comunemente nota come fallimento autonomico associato all’ipoglicemia (HAAF).

“Attualmente non esiste un modo oggettivo per un operatore sanitario di misurare se un paziente ha avuto episodi ripetuti di ipoglicemia e quindi potrebbe soffrire di HAAF”, ha detto David McDougal, Ph.D., ricercatore al Pennington Biomedical’s Neurobiology of Metabolic Dysfunction Laboratory. Un terzo degli adulti più anziani con diabete che hanno avuto un grave episodio di zucchero nel sangue è deceduto entro tre anni dall’incidente, secondo uno studio della Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health.

LSU Pennington I ricercatori biomedici hanno cercato di scoprire in che modo l’imaging biomedico potrebbe essere in grado di offrire nuove soluzioni su come misurare l’esposizione a livelli di glicemia. Hanno deciso di concentrarsi non sull’assunzione di glucosio nel cervello direttamente, ma su come il cervello si adatta dopo un episodio di bassi livelli di glucosio.

La glicemia è il combustibile metabolico essenziale del cervello. Se il glucosio non è disponibile perché una persona ha l’ipoglicemia, il cervello può adattarsi aumentando la velocità con cui utilizza fonti energetiche alternative, come l’acetato.

“I risultati del nostro studio suggeriscono che questo adattamento potrebbe essere ancora presente dopo l’esposizione a tempi di ipoglicemia e quindi può essere usato per misurare la frequenza con cui una persona sperimenta un basso livello di zucchero nel sangue “, ha detto il dottor McDougal. “Crediamo che misurando quanto bene il cervello di una persona usa l’acetato, potremmo un giorno essere in grado di determinare se soffre di HAAF o ha un maggior rischio di sviluppare la condizione nel prossimo futuro”.

Ciò consentirebbe ai medici di fornire un trattamento per ridurre questo rischio modificando il farmaco che la persona prende o consigliandogli di utilizzare un dispositivo di monitoraggio del glucosio continuo , ha detto il dottor McDougal.

La ricerca ha notevolmente migliorato la nostra comprensione della portata e dell’importanza della relazione tra metabolismo cerebrale e ipoglicemia, ha affermato il dott. McDougal. Tuttavia, avverte che “saranno necessari ulteriori studi per dimostrare se questo biomarcatore può essere di uso clinico pratico”.

Il Dr. McDougal ha presentato una domanda di brevetto provvisoria per la sua scoperta.

Lo studio è pubblicato sulla rivista scientifica Acta Diabetologica del 22 giugno 2918.

Categorie:Ricerca

Con tag:,