Terapie

Le prove dell’inerzia clinica nella gestione del diabete tipo 2

Molti pazienti con diabete di tipo 2 (T2D) hanno un livello di emoglobina A1c (HbA1c) che si prevede scateni la necessità dell’intensificazione della terapia, invece spesso ricevono una ritardato e inappropriato trattamento, secondo una ricerca pubblicata nel numero di luglio di Diabetes Care.

Kevin M. Pantalone, DO, della Cleveland Clinic, e colleghi hanno identificato una coorte di 7389 pazienti con T2D che presentavano un valore di HbA1c >7 percento nonostante stessero seguendo un regime stabile di due farmaci anti-iperglicemici per almeno sei mesi prima del riscontro della HbA1c; questa soglia dovrebbe provocare l’intensificazione del trattamento . I registri dei pazienti sono stati rivisti per il periodo di sei mesi successivo all’indice HbA1c, e le variazioni nella terapia del diabete sono state valutate per la prova dell’intensificazione.

I ricercatori hanno scoperto che durante i sei mesi seguenti l’indice HbA1c >7 percento, quasi i due terzi dei pazienti (62,9 percento) non avevano evidenza di intensificazione nella terapia anti- iperglicemica . La terapia non è stata intensificata nel 44,4% dei pazienti nella categoria HbA1c con indice più alto (> 9%), né è stata intensificata nel 53,3% di quelli con HbA1c tra 8 e 8,9%.

“Sfortunatamente, questi risultati dal mondo reale confermano un’alta prevalenza dell’inerzia clinica per quanto riguarda la gestione del T2D”, scrivono gli autori. “L’inevitabile conclusione di questi dati, che qui rappresentano solo un’istituzione, è che i medici non rispondono abbastanza rapidamente alle prove di scarso controllo glicemico in un’alta percentuale di pazienti”.

Diversi autori hanno rivelato legami finanziari con l’industria farmaceutica.

Categorie:Terapie

Con tag:,