Terapie

Sulfoniluree come terapia T2DM di seconda linea legata al rischio di eventi più elevati

Adv

Antonios Douros, MD, Ph.D., del Jewish General Hospital di Montreal, e colleghi hanno valutato se l’aggiunta o il passaggio a sulfoniluree è associato ad un aumentato rischio di eventi cardiovascolari e ipoglicemici. I pazienti che aggiungono o passano alle sulfoniluree (25.699 soggetti) sono stati confrontati in un rapporto 1 a 1 con quelli rimasti in monoterapia con metformina sulla base di molteplici fattori, tra cui l’emoglobina A1c e il numero di precedenti prescrizioni di metformina.

I ricercatori hanno scoperto che durante un follow-up medio di 1,1 anni, le sulfoniluree erano associate ad un aumentato rischio di infarto miocardico (hazard ratio [HR], 1,26, intervallo di confidenza al 95% [CI], da 1,01 a 1,56), mortalità per tutte le cause (HR, 1,28, IC 95%, 1,15-1,44) e grave ipoglicemia (HR, 7,6, IC 95%, 4,64- 12,44) rispetto alla monoterapia con metformina continua . Il passaggio alle sulfoniluree è stato associato ad un aumentato rischio di infarto miocardico (HR, 1,51, IC 95%, 1,03-2,24) e mortalità per tutte le cause (HR, 1,23, IC 95%, 1,0-1,5) rispetto all’aggiunta di solfoniluree. Non sono state osservate differenze per ictus ischemico, morte cardiovascolare o grave ipoglicemia.

“Continuare la metformina quando si introducono le sulfoniluree sembra essere più sicuro che fare il passaggio”, scrivono gli autori.

Un autore ha divulgato legami con aziende farmaceutiche tra cui Boehringer Ingelheim, che ha fornito finanziamenti per lo studio.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: