Terapie

La chirurgia bariatrica riduce il rischio di malattia microvascolare

5-bariatricsur

La chirurgia bariatrica è legata ad incidenza complessiva inferiore di malattia microvascolare nei pazienti con diabete mellito di tipo 2 (T2DM), secondo uno studio pubblicato online il 7 agosto negli Annals of Internal Medicine .
Rebecca O’Brien, MD, della Kaiser Permanente Northern California di Oakland, e colleghi hanno valutato la relazione tra chirurgia bariatrica e complicanze microvascolari incidenti tra 4.024 pazienti (di età compresa tra 19 e 79 anni) con T2DM sottoposti a chirurgia bariatrica . I casi sono stati confrontati (3: 1) in base a età, sesso, indice di massa corporea, livello di emoglobina A1c, uso di insulina, durata del diabete e intensità dell’assistenza sanitaria a 11.059 partecipanti non operati.

I ricercatori hanno scoperto che su un periodo medio di follow-up di 4,3 anni, la chirurgia bariatrica era associata a un rischio significativamente più basso di malattia microvascolare incidente a 5 anni (rapporto di rischio aggiustato [aHR], 0,41). Inoltre a cinque anni, c’è stata una minore incidenza cumulativa di neuropatia diabetica (aHR, 0,37), nefropatia (aHR, 0,41) e retinopatia (aHR, 0,55) associata a chirurgia bariatrica.

“In questo ampio studio multicentrico di adulti con T2DM, la chirurgia bariatrica è stata associata a una minore incidenza complessiva di malattia microvascolare (compreso un ridotto rischio di neuropatia, nefropatia e retinopatia) rispetto alle cure usuali”, scrivono gli autori.