Sport e movimento

L’iperidratazione presenta rischi per la salute dei giovani calciatori

La disidratazione può verificarsi nel deserto quando si esaurisce l’acqua, ma la disidratazione è meno probabile dove i liquidi sono facilmente disponibili.

Con la pratica del calcio di agosto che si avvicina velocemente, l’allegria preferita di ogni allenatore sarà quella di “rimanere idratati” e “mantenere l’urina pulita” durante la calura estiva.

L’obbedienza eccessiva a questo consiglio di idratazione ha rivelato un punto debole oscuro a pratiche di idratazione superiori: l’iperidratazione. Quando il calciatore del liceo Walker Wilbanks è morto nel Mississippi nell’agosto 2014 per l’iperidratazione, il medico ha detto che la causa della morte era un ” imprevedibile evento anomalo “.

Due settimane prima, un altro giocatore di football della Georgia liceale ha bevuto “due litri d’acqua e due litri di Gatorade” dopo la pratica del calcio per prevenire i crampi muscolari e poi è morto. Così, negli ultimi quattro anni, due calciatori delle scuole superiori sono morti durante l’allenamento calcistico in agosto per l’iperidratazione, una condizione medica nota come iponatriemia associata all’attività fisica .

Pubblicità e progresso

Viceversa, nessun giocatore di calcio si è mai conosciuto per morire di  , sebbene sette siano morti durante lo stesso quadriennio a causa del colpo di calore, che può essere correlato, ma non sempre.

Come faccio a sapere che l’iperidratazione uccide gli atleti? Ho visto i corridori quasi morire dopo aver bevuto 100 bicchieri d’acqua durante una maratona perché avevano paura di restare “disidratati”. Quindi, mi sono interessato alla sete.

Si scopre che il circuito della sete neuroendocrina risale a 700 milioni di anni fa e si trova nella maggior parte degli animali, compresi insetti e vermi. La sete attiva la stessa area cosciente del cervello che ci dice d’essere affamati o che dobbiamo fare pipì. Dire che dobbiamo “bere” (o morire) è come affermare che dobbiamo fare la pipì ogni ora per stare al passo con l’imminente esplosione della vescica (o morire). I circuiti molecolari e neurali che regolano l’assunzione di liquidi (e la minzione) in tempo reale sono assolutamente squisiti .

È straordinario pensare che gli animali sopravvivano senza bottiglie d’acqua e cartine delle urine – bevono quando hanno sete, e anche noi dovremmo.

Troppa acqua, troppo poco sale

L’iponatremia è causata dal bere troppa acqua o bevande sportive, che diluiscono i livelli di sale nel sangue al di sotto del range normale. Qualsiasi improvviso calo dei livelli di sali nel sangue, da bere più di quello che il corpo può espellere, può far gonfiare tutte le cellule del corpo. Il gonfiore del cervello dovuto a iponatremia può causare mal di testa e vomito, mentre il gonfiore delle cellule muscolari può innescare i crampi muscolari in tutto il corpo.

La cosa più terrificante, tuttavia, è che questi sintomi imitano quelli della disidratazione. Sono spesso trattati dallo staff medico con più liquidi.

Quindi, quale squilibrio di idratazione – disidratazione e sovraidratazione – è il minore di due mali?

La disidratazione è innegabilmente dannosa per la salute e le prestazioni umane. I wrestler sono morti cercando di “fare peso”, attraverso vigorose pratiche di disidratazione. Una recente meta-analisi di 33 studi ha verificato che oltre il 2% di disidratazione danneggia la cognizione . La disidratazione può compromettere le prestazioni e aumentare la temperatura corporea, secondo l’ultima dichiarazione dell’American College of Sports Medicine . Tutte queste affermazioni sottolineano l’importanza vitale di rimanere idratati.

Ma temo che molti allenatori ignorino i punti migliori che supportano queste conclusioni. Ad esempio, tre lottatori morti a causa della disidratazione hanno perso rapidamente circa il 15% del peso corporeo trattenendo i liquidi mentre si allenavano in un ambiente caldo con una tuta di gomma. Allo stesso modo, per ottenere il 3% di disidratazione, che danneggia la cognizione, gli individui devono trattenere i liquidi per 24 ore. E questo senza esercizio.

Questi protocolli di disidratazione non rappresentano necessariamente situazioni di “vita libera”. Quando gli escursionisti muoiono per disidratazione nel deserto, la maggior parte se non tutti si sono persi o si sono esauriti i liquidi. Così, la sete – o il ” desiderio profondo di acqua ” – è raramente “rotta” quando persone sane muoiono per disidratazione. La morbilità e la mortalità si verificano quando non c’è liquido disponibile, i liquidi vengono trattenuti, come negli studi di laboratorio, o quando gli atleti si rifiutano di bere per altri motivi, come “fare peso”.

Quando gli atleti e gli altri hanno bisogno di bere?

Pertanto quanto liquido dovrebbero bere i giocatori di football – e tutti gli altri umani? Se chiedete ad esperti in equilibrio dei fluidi che svolgono ricerca scientifica di base sul cervello o reni , o medici che si specializzano in disturbi nell’equilibrio dei fluidi , i ricercatori che svolgono scansioni cerebrali su esseri umani disidratati e sovraidratati , sono tutti d’accordo che il bilancio idrico è strettamente regolato e che tutti i mammiferi terrestri hanno bisogno di bere quando hanno sete.

Bere quando hai sete non è “troppo tardi”, perché il meccanismo della sete è cablato nel sistema nervoso per proteggersi dalla scarsità. La sete rappresenta il segnale altamente individualizzato che protegge l’equilibrio tra acqua e sale indipendentemente dalle dimensioni, dall’attività o dalla temperatura ambiente ed è codificato nella maggior parte degli invertebrati e del DNA di tutti i vertebrati . I bambini nascono con questa spinta comportamentale innata.

Quindi, che dire della necessità di otto bicchieri d’acqua al giorno? Non ci sono prove a sostegno di questo. Che ne dici di fare pipì finché la nostra urina non è chiara? L’urina di colore scuro riflette semplicemente la conservazione dell’acqua da parte del rene, piuttosto che la mancanza di acqua da parte del corpo.

Cosa deve fare un giocatore di football?

I giocatori di calcio hanno assolutamente bisogno di acqua, ma dovrebbero essere avvertiti di non esagerare.

Nell’era moderna, dove il fluido è ampiamente disponibile, per rimanere adeguatamente idratato, deve verificarsi quanto segue:

  1. Una varietà di liquidi deve essere liberamente disponibile per i giocatori di calcio, e
  2. Ai giocatori dovrebbe essere data la libertà di bere ogni volta che hanno sete.

E quando i giocatori si surriscaldano, hanno bisogno dell’opportunità di versare abbondanti quantità di acqua ghiacciata sulle loro teste anziché in bocca per favorire il raffreddamento per evaporazione, piuttosto che diluire i livelli di sodio. Meglio ancora, dovrebbero poter rientrare e rinfrescarsi.

Dovremmo riconoscere chi sono i “veri campioni” in merito ai consigli di idratazione più moderni. Secondo gli ultimi dati, le vendite di acqua in bottiglia sono aumentate a US $ 18,5 miliardi di dollari, in aumento dell’8,8% rispetto all’anno precedente. Questo reddito non include la vasta gamma di versioni purificate, infuse, ossigenate, scintillate, distillate, endovenose e ad osmosi inversa che competono per l’attenzione sul mercato.

Mentre tutti abbiamo bisogno di acqua, bevendo fino a quando la nostra “urina è chiara” i soldi (e l’acqua) sono svuotati. E con la minaccia di bere troppo negli atleti motivati, chiedo agli allenatori di riconsiderare la materia prima di applicare la tabella dei colori delle urine negli spogliatoi degli atleti: vale la pena rischiare?

Categorie:Sport e movimento

Con tag: